Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web vs Radio. Apple pianifica 600 milioni di dollari per ospitare uno show radio di Howard Stern su iTunes
A quanto pare si tratta semplicemente di indiscrezioni, ma ci sarebbero motivi a sufficienza per considerare questa notizia piuttosto verosimile.
Il gossip riguarda Howard Stern (foto), leggendario disk jockey statunitense, che potrebbe concludere a breve un accordo triennale con Apple per condurre uno show radiofonico disponibile, almeno nella fase iniziale, solo per iTunes. L’idea dovrebbe essere quella di sferrare un grosso colpo alle radio e tv online attualmente disponibili sul mercato Usa. Per farlo, naturalmente, si dovrebbero creare – come in questo caso – contenuti disponibili, prima di tutto, per le piattaforme connesse al web della mela morsicata: iTunes, AirPlay e Apple Tv. E fin qui tutto potrebbe avere un senso: infatti, la fonte (CultofMac.com) ricorda che Stern è stato uno dei primi negli States ad abbandonare la radio in FM per migrare sulle radio satellitari. Ragion per cui, quanto ad innovazione e tecnologia, Apple potrebbe avere trovato il suo beniamino ideale. Rimane una sola questione: perché la società di Steve Jobs dovrebbe mai supportare un personaggio che ha raccolto negli anni fino a 2,5 milioni di dollari di multe per condotta indecente quando è la prima ad idolatrare se stessa quale simulacro della decenza? Steve Jobs negli ultimi anni avrebbe addirittura dichiarato che l’esperienza iOS (quella legata al suo sistema operativo) fosse libera dal porno e da qualunque altra forma di indecenza facilmente raggiungibile su altri sistemi. Sicuramente questo atteggiamento stupisce, ma quanto al resto, niente potrebbe essere più reale di una battaglia sui media connessi al web, che negli Usa godono di un successo effettivamente ancora molto lontano da quello europeo. (M.M. per NL)
 
06/12/2010 06:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.
I possessori dell’iPhone da tempo lamentano l’impossibilità di ascoltare dal loro melafonino la radio FM (allo stato la piattaforma distributiva dei programmi radiofonici più utilizzata in tutto il mondo, con una penetrazione assolutamente imparagonabile a quella di altri carrier).
Inversione di marcia: dopo anni dominati dalla pirateria musicale, la musica torna a crescere e a vendere (abbastanza) bene, grazie agli abbonamenti web, guidati dai social e dalle app.
Sorprendente lo studio di Flurry: gli americani preferiscono spendere il loro tempo libero con tablet e smartphone, a discapito della cara vecchia televisione.
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accolto gli impegni presentati da iTunes, Google, Amazon e Gameloft, nell’ambito di un procedimento avviato per possibili pratiche commerciali scorrette, connesse con la diffusione di un videogioco destinato a bambini e proposto sotto forma di App per terminali mobili.