Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web vs Tv: Facebook lancia l'attacco alla tv con i Premium Video Ads
 
Facebook, il social network più famoso al mondo, si interessa sempre più alla pubblicità (e la pubblicità lo corteggia in maniera serrata, posta la sua incredibile platea di 1,2 miliardi di utenti).
Già ora nel mondo virtuale di Zuckerberg viaggiano link pubblicitari che sponsorizzano aziende, siti, lanciando consigli che influenzano giorno per giorno i nostri acquisti. Ma non basta: Facebook vuole erodere il predominio della tv, promuovendo i videospot, una forma di pubblicità che, in test da qualche mese, cercherà di rinnovare la bacheca del social network, in modo da renderla sempre più simile alla televisione o, meglio ancora, a Youtube. I video in questione durano 15 secondi e si avviano in modalità auto-play, senza volume, secondo un modello che altre piattaforme hanno in uso. Gli annunci, chiamati “Premium Video Ads”, verranno introdotti con gradualità in modo da non stravolgere la fruizione del social network da parte di utenti meno propensi ai cambiamenti repentini e rappresentano una possibilità per gli inserzionisti di avere acccesso al grande pubblico di Facebook. “FB - scrive il blog di Cnet - spiega che questa novità verrà introdotta, non solo nella versione web, ma anche su dispositivi mobili collegati ai Social Network”. Zuckerberg punta a raccogliere una parte dei 66 miliardi di dollari che gli investitori pubblicitari spenderanno quest'anno sulla televisione USA. Ma non sarà una cosa per tutti: a regime, uno spot giornaliero su Facebook potrebbe costare anche 2 milioni di dollari. (E.L. per NL)
15/03/2014 07:11
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.