Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Crisi editoria. Per tirare avanti il New York Times vende casa
Costretto a mosse disperate per far fronte ai suoi debiti, che sfiorano il miliardo di dollari, il New York Times vende ad una finanziaria 21 piani del palazzo costruito da Renzo Piano. In questo modo il NYT recupera 225 milioni di dollari, ma si impegna a pagarne 24 all'anno di affitto. La singolarità di tale decisione testimonia quanto grave sia la situazione dell'editoria americana e non solo. Come vi considerereste se foste costretti a vendere (o meglio svendere) parte della vostra casa per riuscire a fare la spesa tutte le settimane? Non molto bene, naturalmente. E allo stesso modo deve sentirsi il management del New York Times, che si è visto costretto a cedere ad una finanziaria (la W.P. Carey Corp) ben 21 piani dell'edificio in cui ha sede. Il tutto, tra l'altro, ad una cifra ridicola. Il New York Times Building, progettato da Renzo Piano, era stato presentato, all'epoca della sua inaugurazione, come il fiore all'occhiello del quotidiano delle Grande Mela. Simbolo della nuova era del giornalismo moderno. Alto 52 piani, l'edificio è costato circa 600 milioni di dollari. Il NYT ne possedeva il 58%, assieme ad altre società immobiliari. Stretto dalla morsa dei debiti il popolare quotidiano statunitense si è visto costretto a svendere 21 dei 28 piani che possiede per la ridicola cifra di 225 milioni di dollari. Al danno si aggiunge anche la beffa di dover pagare un affitto di circa 24 milioni di dollari all'anno, destinato a crescere nel corso del tempo. Nel contratto di vendita il NYT ha preteso che fosse inserita una specifica clausola che riserva al giornale un'opzione di riacquisto ad un prezzo stabilito. Ma chissà cosa ne sarà del New York Times da qui a 10-15 anni. La società è messa alle strette dall'effetto congiunto di indebitamento e calo della raccolta pubblicitaria (-13% di ricavi nel 2008, rispetto all'anno precedente, che per il NYT significa un mancato guadagno di 268 milioni di dollari). Negli ultimi mesi si è inoltre vista costretta a rinunciare a distribuire un dividendo di 113 milioni di dollari e a chiedere un prestito di 250 milioni di dollari al magnate messicano Carlos Slim. Tutto questo non deve essere bastato però, considerato che si è comunque arrivati alla vendita di parte del prestigioso grattacielo progettato da Piano. Sapremo i prossimi mesi se le casse del New York Times potranno considerarsi finalmente al sicuro o se ci sarà bisogno di qualche altro intervento di “finanza creativa”. (Davide Agazzi per NL)

 

12/03/2009 14:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
I lettori del New York Times spendono la stessa quantità di tempo su articoli veri e sulle storie sponsorizzate dagli inserzionisti. La rivelazione é stata fatta da Meredith Levin, vice direttore della pubblicità al Times intervenuta ad un evento della American Association of Advertising Agencies.
Due donne simbolo del giornalismo hanno rassegnato le loro dimissioni. Una è la direttrice del The New York Times Jill Abramson, l’altra quella di Le Monde, Nathalie Nougayrède: la prima ha lasciato per ragioni ancora ignote, la seconda dopo un lungo scontro con la sua redazione.
Importante segno di fiducia nella stampa tradizionale: il miliardario messicano Carlos Slim, secondo uomo più ricco del mondo, con una fortuna di oltre 67 miliardi di dollari, torna a investire nel New York Times.