Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digital Radio Conference EBU: senza una data precisa di switch-off non si cambia
"Diciamolo francamente: le ultime edizioni della Digital Radio Conference organizzata dall'EBU hanno avuto un serio problema di contenuto e finalità".
Esordisce così il post di Andrea Lawendel su Radio Passioni dedicato alla DRC dell'EBU. "Quello del passaggio dalla radiofonia analogica alla radiofonia numerica, cioè basata su modulazione di tipo digitale (l'OFDM tanto per essere tecnici), è chiaramente un tema importante ma fin troppo dibattuto", spiega il giornalista-blogger che segue il fenomeno fin dalla metà degli anni Novanta e con RP dal 2005. "La ridondanza dei temi e delle discussioni in questo lungo anno di tempo - continua Lawendel - ha raggiunto i livelli di guardia: sarebbe impossibile trovare parole nuove per magnificare le virtù della radio digitale o viceversa per criticarne la scarsa concretezza e la virtuale assenza nel "mindset" dei consumatori. L'ultima edizione della conferenze, a fine ottobre a Belfast, sembra aver definito un punto fermo e in ciò leggo l'unico elemento di novità (l'impegno sul fronte della collaborazione con l'industria dell'automotive è un altro slogano ripetuto da sempre, e forse l'automotive ha finalmente capito). Il punto fermo riguarda l'impegno a spingere a livello comunitario, sul governo dell'Europa, perché vengano adottate politiche di switch-off della radio analogica. La radio, secondo gli operatori convenuti a Belfast, non passerà al digitale se non si stabilisce una data in cui l'FM analogica verrà spenta per sempre. E' un proposito forse condivisibile dal punto di vista dei fautori del digitale, ma apre a mio favore l'ennesimo scenario ipotetico, un altro "se, allora" di tipo non più tecnologico o di mercato, ma politico. Un campo dove può veramente succedere di tutto. Anzi, sono certo che non sarà difficile convincere gli europarlamentari sull'opportunità dello switch-off. Succederà per la radio quello che è già avvenuto per la tv (un mercato molto più ricco e molto meno variegato)? Io credo di sì. Ma temo che per l'intero mercato della radio l'inevitabile crisi di passaggio possa essere un trauma troppo grande da metabolizzare".
08/11/2010 20:56
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.