Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, caso Cielo off-air. Calabrò (Agcom): noi l'autorizzazione l'abbiamo data in 24 ore
"A noi competeva dare l'autorizzazione della trasmissione sul satellite. L'abbiamo data in 24 ore".
Così ha commentato a Sky Tg24 (gruppo News Corp.) il presidente dell'Agcom, Corrado Calabro' (foto) la mancata partenza, il 1° dicembre, del programma Cielo, a seguito dell'assenza dell'autorizzazione richiesta dal content provider della News Corp al MSE-Com. L'autorizzazione, avuto l'ok da Bruxelles a cui il Ministero dello Sviluppo Economico si era rivolto dopo aver ricevuto l'istanza di autorizzazione della News Corporation Stations Europe (società che fa riferimento a Rupert Murdoch) ad operare come content provider sul DTT italiano, dovrebbe arrivare entro i 60 giorni previsti dall'ordinamento giuridico (la domanda è stata presentata il 2 novembre 2009). Il vettore di Cielo sarà Rete A, network provider del Gruppo L'Espresso. Sul ritardo nel rilascio del provvedimento autorizzatorio, nei giorni scorsi c'era stato un vivace confronto a distanza tra l'a.d. della News Corp. Stations Europe, Tom Mokridge ed il viceministro al MSE Paolo Romani. Intanto Sky ha polemizzato sulla proposta di regolamentazione dei logical channel numbers avanzata ad Agcom dall'associazione DGTVi, preannunciando un esposto all'Antitrust.
 
12/12/2009 11:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).