Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, problemi a non finire. Governo come orchestra sul Titanic. Ma l’importante è salvare la faccia in Europa
Con il passaggio al digitale terrestre "possiamo ritenere chiusa la procedura di infrazione con l'Europa". Ad affermarlo, con la consueta certezza delle dichiarazioni ufficiali, è il viceministro allo Sviluppo Economico, il digital-ready Paolo Romani.
Secondo Romani, "Il passaggio al digitale prevede per l'Italia un dividendo di 6 canali che sono quelli che l'Europa ci ha chiesto per chiudere la procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese. Lo stiamo attuando nelle regioni dove si passa al digitale". Intanto, però, gli effetti imprevisti (forse) ed indesiderati (forse) della migrazione tecnologica si moltiplicano. Oltre ai noti problemi di un'utenza tutt’altro che digital-equipped, si stanno cominciando a registrare i crolli di ascolto delle tv locali e delle nazionali minori (mentre vanno alla stragrande gli abbonamenti di Sky, totalmente indifferente alla concorrenza della sconosciuta Tivùsat). Nel Piemonte occidentale (Torino e Cuneo) le emittenti locali hanno avuto cali di audience oscillanti tra il 36% ed il 53%. Ma va ancora peggio nella Sardegna, all-digital da oltre un anno, dove tv locali di spessore hanno lasciato sul terreno analogico tra il 45 ed il 63% dell'utenza. Un inquietante flash-forward del futuro nazionale? I segnali sembrano confermarlo: gli introiti da televendite nel DTT sono rasi al suolo e duramente colpita è anche la tabellare, a causa della diffidenza degli inserzionisti ad investire in una fase di start-up tecnologico (proprio in un momento di magra di contributi statali). Sulla vicenda sta pesando tantissimo lo smarrimento delle trasmissioni nel mare magnum delle centinaia di programmazioni digitali, anche (ma non solo) a causa della vicenda dei numeri LCN. Questa ultima è probabilmente la più grave delle disattenzioni delle associazioni delle tv locali, che, nonostante il problema fosse noto da almeno quattro anni, hanno iniziato timidamente ad affrontarlo solamente nel secondo semestre 2008, quando ormai erano conclusi i giochi dei player nazionali (ben posizionati tra le prime venti numerazioni). Ora, nel bel mezzo delle decine di conflitti di attribuzione per area tecnica, si cerca di correre ai ripari con una poco convincente proposta avanzata da DGTvi ad Agcom, che per parte sua ha avviato un'istruttoria a cui farà seguito, con ogni probabilità, una pubblica consultazione. Per ora, tuttavia, l'unico effetto della proposta dell'associazione per il digitale terrestre è aver dimostrato quanta divisione ci sia ancora nel settore. Che tiri una bruttissima aria lo si percepisce pure dalle dichiarazioni di Filippo Rebecchini, presidente della Federazione Radio Televisioni, che sul Corriere della Sera di ieri è arrivato a dichiarare che "Rispetto alle 550 emittenti locali che abbiamo oggi, alla fine non ne resteranno più di un centinaio". E a lasciarci le penne saranno ovviamente "le realtà più piccole" non in grado di "reggere la concorrenza dei nuovi canali nazionali". Del resto, che le cose non stiano andando come previsto lo si deduce anche da quanto scrive l'associazione sull'ultimo bollettino, quasi una risposta ad un recente nostro articolo: "La FRT è consapevole dei numerosi problemi tecnici e delle conseguenze connesse al passaggio al digitale terrestre e non intende sottacere nulla. Al contrario, proprio perché consapevole delle difficoltà che caratterizzano i grandi processi di innovazione (il digitale terrestre è, peraltro, un processo non più procrastinabile), con senso di responsabilità e atteggiamento propositivo, sta collaborando con le Istituzioni, a tutti i livelli, per la ricerca delle migliori soluzioni possibili che consentano di gestire al meglio la transizione in tutto il territorio nazionale". Del velo informativo sul digitale ha parlato anche Aldo Grasso sul Corriere della Sera di oggi. In apertura d’articolo, un curioso comunicato diffuso il 23 novembre nell’edizione principale del Gr di RadioRai: "Può essere necessario cambiare la selezione del Paese scegliendo per esempio Germania invece che Italia”. Forse “un invito agli abitanti del Lazio in difficoltà con il digitale terrestre”, affinché “provassero a impostare una diversa nazione del decoder”? si chiedeva Grasso, aggiungendo: “Germania? E perché mai? È la prima volta che la Rai ammette ufficialmente qualche inconveniente di ricezione nello switch off”. “La colpa non è dei decoder fabbricati in Germania” – si rispondeva il giornalista – “Certi decoder hanno la sintonizzazione automatica, altri, nella fase iniziale, vanno resettati di continuo altrimenti registrano più frequenze di quante possano contenerne, per altri ancora bisogna procedere manualmente. Non tutti gli utenti hanno confidenza con i menu d’installazione”. Lapidaria la sua conclusione (che è poi quella a cui erano già giunti, prima di lui, altri osservatori): “La colpa vera è che il Dtt non è il sistema più adatto e tecnologicamente più avanzato per un Paese complicato come l’Italia dal punto di vista orografico. È soltanto il sistema che consente a Rai e Mediaset (proprietari dei sistemi di distribuzione) di conservare la supremazia nella piattaforma terrestre, nell’attesa di passare progressivamente al satellite”. “Bastava avere il coraggio di dire che il passaggio al Dtt non sarebbe stato una passeggiata”, concludeva Grasso. Già, ma per Romani l’importante è che col DTT, a tutti i costi, si possa “ritenere chiusa la procedura di infrazione con l'Europa". E intanto l’orchestra del governo suona mentre la televisione locale italiana affonda nel mare digitale.
24/11/2009 22:36
 

DVB-T perché solo in Italia abbiamo tutti questi problemi?

Il dvb-t è una tecnologia all'avanguardia per la ricezione tv gratuita e pubblica. In tutto il mondo, dove lavoro da anni in questo settore, non si sono mai riscontrati problemi di sorta, riuscendo a disporre sui televisori di tanti programmi di spessore, con continuità e gratuitamente, oltre che con ottima qualità dei segnali. Ora chiediamoci, perché solo in Italia succedono questi casini con la tv? Perché in questo bel paese tutte le strutture sociali e pubbliche vengono annientate: vedasi mezzi di comunicazione, scuole, ospedali,treni, opere pubbliche in genere, cioè tutto quanto è legato alla politica. Mi ricordo già dagli albori delle emittenti private italiane i marasmi hertziani che accadevano in certe città con canali sovrapposti, guerre di chilowatt, con conseguenti disturbi, righe nell'immagine e tanti black out. Dieci-venti anni fa a Milano, solo girando l'antenna, senza cambiare frequenza, si ricevevano (male) anche tre canali... Ripeto: un marasma cosi l'ho visto solo in Italia. In un etere così saturo neanche il piu robusto dvb-t puo fare il suo dovere ed é già buono se si riesce a vedere qualcosa. Bisognava aver fatto ordine e pulizia fra i trasmettitori da tempo, con l'eliminazione di cocanali, l'unificazione dei luoghi di trasmissione e, magari in molti casi la conseguente e tanto auspicata riduzione delle potenze, con diminuzione dell'inquinamento elettromagnetico...che é l'ottimale sizuazione di tutte le città estere moderne e civili. Ne dovrà passare ancora di acqua sotto i bei ponti italiani prima che le cose cambino? Un saluto.
 
Gherardo radiotecnico in Lugano
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).