Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, switch-off Trentino: stessi problemi piemontesi a causa della sottoutilizzazione degli Ispettorati territoriali
Tutto bene in Trentino con il digitale terrestre? A leggere i comunicati della Provincia Autonoma di Trento, che pure sta garantendo un ottimo servizio di aggiornamento dello switch-off con due edizioni giornaliere dei bollettini informativi, sembrerebbe di sì.
Ma è veramente così? In verità, a questo periodico risultano, in quasi tutte le valli oggetto di switch-off, numerosi casi di oscuramento causati dalla disattivazione degli impianti ex art. 30 D. Lgs 177/2005 (cioè gli impianti delle comunità montane e dei comuni), divenuti fuorilegge con l'attuazione del Master Plan (a seguito della mancata verifica preventiva della casistica generale in sede di elaborazione dello stesso). Abbiamo, a riguardo, contattato questa mattina l'Ispettorato Territoriale del Trentino del MSE-Com, chiedendo chiarimenti. La risposta, a denti stretti, è stata che "sì, effettivamente qualche problema c'è" e che la riattivazione di tali microdiffusori su base compatibile con le nuove assegnazioni potrà avere luogo solo "dopo il 27 ottobre, al termine dello switch-off del Trentino". Abbiamo cercato di punzecchiare il nostro interlocutore sulla discutibile scelta di gestione centralizzata della migrazione, cioè con decisioni assunte da Roma e rovesciate direttamente sugli organi periferici, ricevendo, pur con una comprensibile titubanza, la conferma che "in effetti, potevano coinvolgerci meglio e di più". In pratica, gli Ispettorati territoriali, che del MSE-Com sono gli organi di sorveglianza del territorio, quindi i più adatti a verificare se quanto elaborato a livello teorico è correttamente traducibile in pratica (e magari prima che venga tradotto...), appaiono, in un processo delicato ed epocale per la televisione, sottovalutati e sottoutilizzati. Una decisione - incomprensibile a livello tecnico, ma che può trovare facile spiegazione a livello politico - che sta mostrando in questo frangente tutta la sua fragilità. Questa mattina, tra l'altro, sono state segnalate a questo periodico nuove difficoltà in Piemonte occidentale, dove qualche emittente, che sta subendo danni enormi dalla riduzione della copertura con il passaggio da analogico a digitale, avrebbe maturato l'intenzione di mettere in atto iniziative di protesta e di adire l'autorità giudiziaria (intento che già aveva un paio di settimane fa preannunciato una delle storiche e principali emittenti piemontesi, Telecupole, particolarmente colpita dalla migrazione tecnologica). Uno switch-off che, diversamente dai comunicati ufficiali del MSE-Com, sta quindi incontrando problemi pratici ben superiori a quelli preventivati nelle ovattate sale di Viale America a Roma. Sui quali torneremo presto, come voce fuori dal coro.
21/10/2009 08:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
A seguito di verifiche effettuate il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato gli elenchi aggiornati degli ammessi alla procedura di selezione comparativa per l'assegnazione delle frequenze in onde medie asincrone e sincrone prevista dalla Delibera 3/16/CONS.