Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Canale Parlamento nei progetti di Gubitosi. Speriamo non sia l'ennesima GR Parlamento
 
Nel piano di riforma dell’emittente statale fa capolino anche un nuovo canale istituzionale: il modello da seguire e imitare è quello della Bbc Parliament della tv pubblica inglese.
Le voci circolano da parecchi mesi, nonostante la proposta, almeno inizialmente, non avesse raccolto un consenso unanime degli schieramenti politici. Mercoledì 4 marzo, il dg generale Luigi Gubitosi in Commissione di Vigilanza ha ribadito quello che sarà il piano di rinnovo: “ci dovrà essere una forte caratterizzazione del telegiornale in funzione del canale su cui va in onda. Abbiamo inserito sul secondo canale anche il dibattito politico-parlamentare. E ritorniamo sulla proposta del canale istituzionale: evidentemente andrà coordinato con la commissione e con la Presidenza di Camera e Senato e sarà da vedere cosa potrebbe andare dove. Da parte della Rai c’è disponibilità, lo fanno anche altri, come Bbc Parliament”. Questa sarà una delle numerose novità su cui dovrà discutere e a cui dovrà far fronte il nuovo cda di Viale Mazzini, dal mese di maggio (dal momento che l’attuale scadrà proprio in quel periodo): “il tempo che ci rimane non è lungo – ha affermato Gubitosi – ma lasceremo una serie di idee e suggerimenti che ovviamente potranno essere cambiati dal nuovo consiglio”. Il piano di riforma comunque, come riporta un articolo di ItaliaOggi di giovedì 5 marzo, richiederà 42 mesi per essere completato (ma viste le lungaggini italiane, c’è da scommettere che i mesi si protrarranno): dal punto di vista strutturale, in questi tre anni e mezzo gli edifici di Saxa Rubra saranno divisi in tre aree (la newsroom per Tg1, Tg2 e Rai Parlamento, quella per Tg3, Rai News 24 e Tgr e la terza dedicata a Rai Sport) e riadattati con molti open space e tecnologia di ultima generazione. Le news, secondo l’attuale dg, dovranno essere solo l’inizio per l’avvio della nuova strategia societaria: “sulle reti c’è un problema simile. Lasceremo appunti sul tema per chi ci seguirà. L’auspicio è che questa riforma non si concluda”. Vedremo. L'importante, almeno per quanto riguarda il canale istituzionale, è che non si traduca in una soluzione alla GR Parlamento, la rete radiofonica più inutile del servizio pubblico, che da 17 anni diffonde (peggio) i medesimi contenuti di Radio Radicale, a sua volta sovvenzionata dallo Stato. Cioè da noi. (V.R. per NL)
 
06/03/2015 13:16
 

RAI Parlamento: su quale Mux Rai?

Rai Med sarà sostituito da RAI Parlamento ? E poi su quale mux dtt Rai sara attivo ? Si era parlato anche di Rai Young...

Tv Star

NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.