Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, dividendo esterno: Pileri (Confindustria), torni a settore 50% introiti asta frequenze
''Almeno meta' delle risorse'' che arriveranno dall'asta per le frequenze del dividendo digitale esterno ''siano investite nel settore delle telecomunicazioni da cui provengono''.
E'  la richiesta rivolta al governo dal presidente di Confindustria Servizi innovativi e tecnologici, Stefano Pileri, che rappresenta le imprese dell'Information technology e delle tlc. L'occasione per fare il punto sugli investimenti del settore e' la 'Tavola rotonda con il Governo' organizzata oggi da Business International, nel corso della quale Pileri ha ricordato come oggi, dopo il passaggio alla tv digitale, si rendono disponibili frequenze sulla banda degli 800, dei 1800 e dei 2600 megahertz: risorse importanti soprattutto per gli operatori della telefonia mobile. Un'analoga iniziativa in Germania ha fruttato qualcosa come 4,5 miliardi di euro e ora anche in Italia ''il Governo vuole procedere con questa gara'', ha sottolineato il presidente di Confindustria Si. Anche questo tema sara' al centro di un incontro che Luca Barbareschi, deputato di Futuro e Liberta', avra' a giorni, ha detto, con il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani. L'importante e' ''non continuare a realizzare dei 'beauty contest' per le frequenze che finiscono per premiare la famiglia Berlusconi'', ha affermato sottolineando che quello dell'innovazione tecnologica e della rete in banda larga ''e' l'ultimo treno economico che puo' essere preso anche al Sud per fare un balzo in avanti, altrimenti avremo un blocco dei soliti noti''. Del resto il problema degli investimenti in Ricerca e Sviluppo non riguarda solo le tlc ma piu' in generale l'industria italiana. Usa e Germania investono il 2,7% del loro Pil in R&S, di cui ben il 2% proviene dall'Industria, e il resto e' pubblico mentre in Italia si investe solo l'1,1% del Pil in Ricerca e Sviluppo e dall'industria proviene solo lo 0,6% a fronte delle risorse restanti investite dallo Stato. ''L'Italia si e' dimostrata finora in forte ritardo rispetto agli altri paesi industrializzati negli investimenti in R&S'', ammette la presidente del Comitato Leonardo Luisa Todini e questo ''pur condividendo gli obiettivi della nuova politica Ue di Europa 2020 che ribadisce la centralita' dell'innovazione''. Dalla consapevolezza che ''il sistema industriale italiano e mondiale sta cambiando pelle'' e quindi bisogna valorizzare oltre che estetica e design ''qualita', affidabilita', sicurezza dei marchi del made in Italy'' l'invito rivolto da Todini a Governo, sistema imprenditoriale e sindacati: ''impegnarsi insieme a creare e consolidare - spiega Todini - una nuova cultura da Sistema Paese perche' e' sugli investimenti in Ricerca che si gioca il nostro futuro''. (fonte Adnkronos)
08/11/2010 21:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
A riguardo dei gravissimi ritardi accumulati nell'erogazione dei contributi alle tv locali degli anni passati e sull'adozione del nuovo regolamento, Confindustria RTV ha fatto pervenire a Newslinet.it la lettera del Presidente dell’Associazione TV Locali Maurizio Giunco e delle OO.SS.LL SLC- CGIL, FISTEL –CISL, UILCOM/UIL al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che di seguito integralmente pubblichiamo.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.