Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Finalmente il beauty contest alla ribalta nazionale grazie alle invettive di Travaglio a Servizio Pubblico
Per fortuna che Travaglio c´è, altrimenti il beauty contest sarebbe rimasta una questione da addetti ai lavori, terreno fertile per quel genere di situazioni in cui il silenzio sui media è più forte di mille discussion parlamentari.
Il beauty contest è uno scandalo, reso inoltre assolutamente immorale dai prelievi selvaggi che Tremonti ieri e Monti oggi stanno effettuando dalle casse in default delle famiglie italiane. Regalare frequenze che valgono – dice Travaglio – sedici miliardi di euro e da cui lo Stato potrebbe tranquillamente ricavare dai cinque ai sei miliardi, equivale a prendere in giro la popolazione a cui, tra le lacrime, si chiedono sforzi disumani. E guai a credere all´allarmismo di Berlusconi (meno male che c´è anche lui a portare il concorso di bellezza sulle bocche della gente), che dice che un´asta vera e propria andrebbe deserta (basta vedere i risultati di quella per le tlc, per smentirlo). No, non è giusto; tanto più che la diavoleria architettata dall'ex ministro allo Sviluppo Economico Paolo Romani, amico di Silvio e di Maurizia Paradiso (quella che lui lanciò col programma hot "Vizi privati" sulla sua TV7 Lombardia), va a regalare frazioni di etere ai due soliti noti, alla faccia dei nuovi entranti nel mercato, e ancor di più oggi, dopo che Sky ha abbandonato la gara (dopo aver combattuto per anni per avervi accesso) perchè, a loro giudizio, tarata sulle esigenze dei big player già esistenti nell'etere terrestre. Se ne parlasse solo Newslinet.it – che lo fa da anni - e pochi altri, quest´ennesimo scempio finirebbe per divenire la solita beffa al popolo italiano. Per fortuna che qualche politico, nei rari momenti di lucidità, e soprattutto Marco Travaglio davanti a tre milioni di spettatori TV e altrettanti su internet, ne parlano, discutono, spingono perchè venga messa fine a questo scempio. Perché mai Monti, invece, non ha messo mano al beauty contest? Ce lo spieghi. E´, come dicono a Servizio Pubblico, che se tocchi Berlusconi e i suoi affari prendi la scossa, e lui ti stacca la spina? Si spera di no ma si teme di sì. E allora con che faccia si piange davanti agli italiani e si chiedono loro sforzi impossibili se poi Berlusconi, anche dopo essere caduto, continua a influenzare intere manovre finanziarie e austery plan? (G.C. per NL)
 
 
 
10/12/2011 06:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).