Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, FLI: no a discriminazioni nella gara per il dividendo interno
"E' ingiusta la discriminazione di Sky. Basta ritardi sull'asta del digitale terrestre". E' quanto afferma il vicecapogruppo vicario di Fli alla Camera, Benedetto Della Vedova, che in una nota commenta la risposta datagli durante il 'question time' dal ministro Paolo Romani.
Al centro dell'attenzione il ritardo della gara per l'assegnazione delle licenze del digitale terrestre, dovuta ai problemi ''interpretativi'' dell'art 16 delle disposizioni sulle leggi in generale del Codice Civile (principio di reciprocita'). Romani oggi ha anche confermato che sul tema il Ministero ha rivolto un ulteriore quesito al Consiglio di Stato. Per questo il parlamentare tiene a precisare che "limitare gli investimenti esteri in Italia in base ad un'interpretazione arbitraria del principio di reciprocita' (uguali diritti per gli investitori italiani nel paese dell'investitore straniero) (esclusa peraltro dall'Agcom e neppure presa in considerazione dalla Commissione Europea) significa lavorare per il declino. Impedire a Sky e a chiunque altro di partecipare alla gara per le licenze del digitale terrestre significa ridurre la concorrenza". "In Italia - rileva Della Vedova - nessuno si e' mai sognato, e speriamo mai si sognera', di ostacolare investimenti di aziende non comunitarie nel settore delle Tlc. E cio' rende ancora piu' grottesco che l'esecutivo eccepisca sul fatto che un'impresa italiana, come Sky, possa operare sul mercato, assai meno sensibile, della Tv digitale, perche' proprieta' di una azienda statunitense. Diamo credito al ministro Romani che cio' non risponda a una strategia dilatoria e auspichiamo che la gara per l'assegnazione delle frequenze non comporti ulteriori ritardi e ingiuste discriminazioni". (fonte Adnkronos)
 
19/01/2011 16:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).