Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. L'Espresso lascia la tv a terra. Gli FSMA LCN 69, 158 e 162 agli Sciscione

Dopo la cessione del fondamentale LCN 9, L'Espresso molla il colpo anche sui canali 69 (Onda Italiana), 158 (m2o) e 162 (Capital Tv).
I tre importanti fornitori di servizi di media audiovisivi con associati LCN sono infatti stati ceduti la scorsa settimana alla GM Comunicazione di Marco e Giovanni Sciscione, già artefici di diverse operazioni su LCN nazionali negli ultimi anni (in particolare circa i canali 60, 61, 62 ex Sportitalia e soprattutto 33, relativamente al quale è in corso una causa con Agon Channel). L'operazione è stata comunicata a questo periodico personalmente da Marco Sciscione, che ha precisato che "fino al 1° ottobre tutto rimarrà così com'è". Sul futuro dei canali Sciscione ha mostrato una bocca cucita: "Abbiamo molte idee, ma nulla di ancora definito". Curiosamente nessuna dichiarazione è invece pervenuta dal gruppo L'Espresso, anche se è probabile che i contenuti più radicati possano continuare l'attività su altre piattaforme (Capital Tv è già presente sul sat, nel bouquet di Sky). D'altra parte, seppur gradevoli e in qualche misura seguiti, i contenuti tv musicali espressione delle radio nazionali Capital e m2o non sembrano aver riscosso risultati commerciali degni di nota. Nel dettaglio, se è quasi scontata la sopravvivenza di Capital Tv e forse di m2o, non è invece dato di sapere se troverà spazio su altri vettori Onda Italiana (da pochi mesi succeduta a Capital Tv su LCN 69). (M.L. per NL)
03/08/2016 06:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
L’Autorità Garante della Concorrenza ha deciso di avviare un’istruttoria sull’acquisizione del controllo di Italiana Editrice da parte di Gruppo Editoriale L’Espresso.
Il Gruppo Espresso, nei primi nove mesi del 2016, ha registrato un utile di 14 milioni di euro mentre nel corrispondente periodo del 2015 i ricavi netti ammontavano a 24,6 milioni.
Nel primo semestre 2016 il risultato netto consolidato, incluse le attività dismesse, del Gruppo Espresso si è attestato a 12,1 milioni di euro dai 22,1 milioni del primo semestre 2015, i ricavi consolidati sono stati pari a 292,9 milioni di euro (-4,2% rispetto ai 305,7 dello stesso periodo 2015).