Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, LCN: super e new player danno i numeri: ormai è impossibile nascondere la voglia di shopping
 
Discovery, Sky, Viacom e il Biscione stanno mettendo ben in mostra il loro interesse per gli acquisti delle restanti posizioni favorevoli lcn: il prezzo per questa merce rara schizza alle stelle.
Rai ovviamente si tiene ben stretta le prime tre posizioni (e del resto non potrebbe fare altrimenti, posta la particolare condizione giuridica), Mediaset i tasti dal 4 al 6 (idem come sopra, anche se, astrattamente, nulla vieterebbe la cessione del complesso) e La7 il numero identico (Urbano Cairo ha ribadito in questi giorni: “non ho nessuna intenzione di vendere. Voglio andare avanti, credo nel mercato televisivo, sia come editore, sia come operatore di rete. Vediamo come si muoveranno Discovery o Sky, aspettiamo. Noi intanto stiamo facendo grossi investimenti”). L’lcn 9, come ricorderanno i nostri attenti lettori, è passato nelle salde mani di Discovery, pur mantenendo (per quanto?) il brand Deejay Tv che lo contraddistingue, in una partnership (?) con il gruppo L’Espresso. Chi manca all’appello nelle prime posizioni del telecomando è allora soltanto il numero 8, appartenente – almeno per ora – a Mtv del gruppo Viacom, anche se si mormora (e si smentisce, come da regola) che Sky sarebbe molto vicina all’acquisto dell’ottava posizione, pure se il Biscione resterebbe ancora in gioco dopo un corteggiamento fallito nei mesi scorsi, forse più come elemento disturbatore che come reale acquirente. Proseguendo nella lunga carrellata delle posizioni del DTT, e tenuto conto che gli lcn dal 10 al 19 spettano all’emittenza locale e quindi sono off-limits (ma non nell'ipotesi di una syndication nazionale monoidentificatore, di cui siamo pronti a scommettere che parleremo presto), si arriva in un baleno alla posizione 20 di Rete Capri (ex analogico generalista ricollocato in posizione anomala in sede di pianificazione): di fronte a un’offerta interessante (stimata secondo osservatori qualificati in 10-15 mln di euro) c’è da scommettere che la famiglia Federico, proprietaria della rete, nonché editore della locale semiomonima Tele Capri, potrebbe non respingere subito al mittente la proposta di cessione di un asset che non ha mai brillato per audience né per redditività tipica. Dello stesso avviso, a fronte di un’offerta consistente, potrebbe poi essere anche Tv 2000, l’emittente della CEI guidata da Paolo Ruffini e Alessandro Sortino che gode dell'interessante canale 28. Insomma, qualche preda appetibile e per giunta in posizione strategica è ancora disponibile sul mercato, per chi ha idee ma soprattutto euro da investire in un mercato che, a dispetto delle previsioni di solo un anno fa, sembra stia vivendo una nuova primavera. (V.R. per NL)
 
02/02/2015 06:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Nei processi, siano essi civili, penali o amministrativi, è spesso richiesto l’intervento di parti terze rispetto ai litiganti, utili a coadiuvare i giudici in diverse fasi del giudizio, come nel caso del Commissario ad acta, un funzionario pubblico nominato dal giudice amministrativo nell'ambito del giudizio di ottemperanza a cui viene conferito il compito di emanare i provvedimenti che avrebbe dovuto emettere un ente, che però si è rivelato inadempiente.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).