Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, Marche: Aeranti-Corallo: condiviamo richiesta di slittamento dello s.o. formulata dalla Regione
Condividiamo totalmente la posizione assunta a sostegno dell’emittenza televisiva locale dal Presidente Spacca al quale va il nostro ringraziamento per la grande sensibilità e attenzione relativamente alle problematiche del settore".
Lo ha dichiarato il coordinatore del sindacato Aeranti-Corallo, Marco Rossignoli, condividendo la richiesta del Presidente della Giunta Regionale delle Marche Gian Mario Spacca formulata al Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani e al Presidente dell’Agcom Corrrado Calabrò di rinviare, almeno al 2012, il passaggio alle trasmissioni televisive digitali terrestri nel territorio regionale, previsto dal 5 al 21 dicembre 2011. "Il rinvio dello switch-off è infatti indispensabile – ha proseguito Rossignoli – per permettere alle tv locali delle Marche di disporre dei tempi tecnici necessari per la transizione. Al riguardo occorre evidenziare che il termine per la presentazione delle domande per le assegnazioni delle frequenze e delle numerazioni LCN nelle Marche scadrà il 14 novembre p.v. e che pertanto tali assegnazioni avverranno presumibilmente nei giorni immediatamente precedenti lo switch-off. Ciò comporterà – ha proseguito Rossignoli – l’impossibilità per le tv locali di ricevere prima del 5 dicembre p.v. le forniture degli impianti per trasmettere in tecnica digitale. Infatti non è certamente possibile operare gli acquisti prima di aver ottenuto le assegnazioni delle frequenze e delle numerazioni LCN; diversamente si rischierebbe di effettuare gli investimenti al buio. Occorre altresì considerare – ha aggiunto – che, ai fini della transizione, il Ministero debba rispettare il termine (previsto dalla delibera Agcom n. 366/10/CONS) di 15 giorni prima dello switch off per l’attribuzione delle numerazioni LCN e il termine (previsto dalla delibera Agcom n.353/11/CONS) di 50 giorni prima dello switch-off per la definizione degli obblighi di must carrier a favore dei soggetti non assegnatari delle frequenze di trasmissione. E’ altresì inaccettabile – ha affermato Rossignoli – che anche il nuovo piano delle frequenze per la Regione Marche (delibera n.542/11/CONS del 14 ottobre 2011) non preveda alcuna frequenza coordinata per le imprese televisive locali. In tal modo – ha concluso Rossignoli – a parere di Aeranti-Corallo, non viene rispettata, in termini qualitativi, la riserva prevista dalla legge a favore delle tv locali, con riferimento alle assegnazioni frequenziali (1/3 del totale delle frequenze). E’ pertanto auspicabile che il TAR Lazio accolga i numerosi ricorsi proposti avverso i criteri generali di pianificazione”. (E.G. per NL)
25/10/2011 16:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).