Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, si allungano i tempi per la fusione TIMB/Rete A per la creazione di un superplayer. Che perde un mux per strada
 
Si complica, allungandosi nei tempi di definizione e nella portata tecnica, economica e commerciale, l'operazione Telecom-L'Espresso che avrebbe dovuto condurre alla costituzione di un network provider unico con conferimenti di frequenze DTT da Telecom Italia Media Broadcasting (3 mux) e Rete A (2 mux).
Il deal che il viceministro dello Sviluppo economico uscente Antonio Catricala' aveva definito solo qualche settimana fa "imminente" potrebbe in realtà partire (concretamente) solo a marzo per concludersi, se tutto va bene, a giugno. Il rallentamento sarebbe legato alla volonta' di Telecom Italia di non conferire nella joint venture tutte e tre le frequenze possedute ma di mantenere la proprieta' di una, segnatamente il canale 55 UHF, che verrebbe comunque affidata in gestione alla nuova societa' TIMB-ReteA. Chiaro che una decisione di questo tipo implica una rivalutazione delle quote nella newco in relazione ai beni portati in dote dai due soci (inizialmente stimate nel 70% e nel 30%, rispettivamente per TIMB e Rete A, per un valore stimato mediamente in 100 mln a mux), ma soprattutto, riduce le dimensione del superplayer nascente, che, in relazione ai competitor Mediaset e RAI, non sarebbe più particolarmente competitivo in termine di valorizzazione economica (sarebbe inalterata quella commerciale, stante la ventilata gestione del 5° mux che rimarrebbe a TIMB). L'intenzione dei due gruppi, una volta concretata l'operazione, sarebbe quella di ricercare un acquirente per la nuova societa' in modo da valorizzare al massimo l'asset e da consentire sia a Telecom sia all'Espresso di uscire dal business televisivo, ritenuto da entrambi non più strategico, anche se la decisione dell'operatore tlc di tenersi un mux fa pensare ad una rivalutazione della questione in extremis. A riguardo del possibile acquirente della newco, da tempo si vocifera di un interesse per il nostro paese da parte di un grande gruppo sudamericano. (M.L. per NL)
18/02/2014 08:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.