Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, UE insiste: i canali 61-69 UHF velocemente alla banda larga in mobilità
La Commissione europea insiste nella richiesta di destinare le frequenze tv liberate dalla conversione al digitale ad altri servizi, come l'internet wireless, che in Italia è in una situazione di arretratezza di almeno 5 punti percentuali rispetto alla media degli altri paesi.
Il richiamo è contenuto nella comunicazione sull'impiego razionale ed efficace dello spettro elettromagnetico presentata lunedì scorso dalla commissaria per l'agenda digitale Neelie Kroes (foto). "La priorità è di attribuire una quantità sufficiente di spettro a frequenze a servizi wireless incluso internet a banda larga", ha spiegato la Kroes nel documento in cui si definiscono i piani e il programma per i prossimi 5 anni in materia di spettro radio. L'avvertimento arriva in un momento particolarmente delicato, in cui l'Agcom sta per decidere le regole per il beauty contest, cioè la gara non competitiva che consentirà di assegnare i cinque multiplexer costituenti il cd. dividendo digitale (e a cui, proprio col placet comunitario, parteciperà Sky, che ha intensificato una politica informativa molto aggressiva sull'argomento). Il rischio, fanno capire dall'UE, è che, ancora una volta in Italia, dove la lotta tra operatori ed istituzioni per il posizionamento nell'era digitale è fortissima, si privilegi la televisione a discapito dello sviluppo della banda larga che da noi è ad una diffusione di appena il 20% rispetto a una media europea vicina al 25%. Intanto si è in attesa della decisione di Agcom sulle richieste delle tv locali di reintrodurre nel Piano Nazionale delle Frequenze quei canali di buona qualità (cioè coordinati a livello internazionale), costituenti la riserva del 33% prevista dal legislatore per gli operatori di rete non nazionali, la cui esclusione in sede di revisione tecnica (con la delibera 300/10/Cons) aveva portato ad una protesta sfociata nella clamorosa rottura dei tavoli tecnici dell'Area Tecnica 3 (Lombardia e Piemonte orientale). (A.M. per NL)
22/09/2010 19:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
Come si evolve la società e l’economia nell’era digitale? Questa la domanda fondamentale cui cerca di rispondere il Digital economy and society index (Desi) pubblicato dalla Commissione Europea.