Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
E-book mania: i lettori digitali dilagano e aiutano anche le biblioteche
Ora anche le biblioteche cercano di sopravvivere alla crisi – causata dai pesanti tagli alla cultura – grazie ai libri digitali. Nell’arco temporale di cinque anni, infatti, si è assistito ad una forte diminuzione degli investimenti pubblici in favore delle biblioteche statali, passando da un budget di 30 milioni di euro a soli 17.
E a pagarne le conseguenze sono in particolare gli acquisti di libri nuovi, settore che deve sopravvive con soli 3 milioni di euro contro i precedenti 8. Ed ecco che iniziano a spuntare i primi libri digitali tra gli scaffali delle librerie. Sì perché questo nuovo modo di lettura, più moderno e al passo con la tecnologia, si sta facendo strada anche nel più tradizionale settore della carta stampata: quello delle biblioteche. Già oltreoceano, di preciso nella Stanford University in California, si assiste al fenomeno degli scaffali “senza libri”. Secondo un membro dell’associazione biblioteche universitarie statunitensi, l’obiettivo è quello di eliminare del tutto i vecchi libri per far posto a quelli digitali, essendo un vantaggio sia per la facoltà sia per gli studenti, i quali potranno consultare i volumi in qualsiasi posto si trovino e a qualsiasi orario. In Italia, il via agli ebook è stato dato dalle biblioteche comunali “Renato Fucini” ad Empoli e quella di Cologno Monzese. Quest’ultima – con un investimento di ventimila euro, di cui la metà derivanti da un finanziamento regionale – ha comprato ad inizio anno quaranta lettori digitali scatenando l’interesse dei cittadini che non hanno tardato a farsi avanti per prenotare una lettura digitale. Tuttavia, come sottolineato da Luca Ferri responsabile della biblioteca, l’entusiasmo è andato scemando per via del genere dei volumi digitali, prettamente classici e poco appetibili. A questo empasse si è già posto rimedio in quanto a breve arriveranno i primi acquisti di narrativa contemporanea: 300 titoli che spaziano da Baggiani a Murgia, da Ken Follet a Nothomb. Scenario simile per la biblioteca comunale di Empoli, ove, a fronte di un investimento di poco più di mille euro, gli e-reader sono undici, con una sessantina di titoli a disposizione del lettore e prenotazioni che arrivano fino a febbraio. Dunque ci si reca in biblioteca, si prende in prestito l’ebook con l’opera che si vuole leggere e si porta a casa il tutto. Innovativo strumento di lettura che consente di fare quel che sul tradizionale libro cartaceo non era possibile, ossia sottolineare e apporre note a margine, il tutto senza rovinare il testo in quanto, una volta restituito, l’ebook viene resettato cancellandosi così ogni dato personale dell’utente. (M.C. per NL)
09/11/2010 15:31
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.