Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Gruppo 24 Ore: ricavi consolidati 2015 a 325 mln (+4%); raccolta pubblicitaria a +11,2%

Ricavi consolidati pari a 325 milioni di euro, in crescita di 12,6 milioni di euro, per un progresso del 4%; tutto in continu­ità con la positiva dinamica iniziata nel 2014, grazie alla scelta strategica implementata di creare un sistema multimediale con una filiera di nuo­vi quotidiani digitali specializzati, pienamente integrati con il Sole 24 Ore, che determinano una cresci­ta dei ricavi da contenuti informati­vi digitali ad alta redditività.
In cre­scita anche la raccolta pubblicitaria (+11,2%) e la formazione (+14,2%), mentre l’area cultura è in linea (+1,5%). Sono questi alcuni degli elementi principali che contraddi­stinguono il bilancio 2015 del Grup­po Il Sole 24 Ore, approvato ieri dal Consiglio di Amministrazione, pre­sieduto da Benito Benedini. I rica­vi digitali da contenuto informativo confermano il trend positivo degli ultimi anni e aumentano di 5,7 mi­lioni di euro, pari all’8,2% rispetto al 2014, interamente dovuto alla cre­scita del sistema multimediale del Sole e dei quotidiani verticali colle­gati. In particolare, la crescita dei ri­cavi digitali da contenuto informa­tivo del quotidiano Il Sole 24 Ore e dei quotidiani verticali è stata pari a 8,4 milioni, con un incremento del 45%. Si consolida, inoltre, il supera­mento dei ricavi digitali sui ricavi da contenuto in versione cartacea, at­testando la componente digitale al 55% del totale, rispetto al 47% del 2014. I ricavi digitali complessivi del gruppo ammontano a 106,7 milio­ni di euro e sono pari al 32,8% del totale dei ricavi (erano pari al 30,7% nel 2014) in incremento dell’11,2% rispetto al 2014. Il quotidiano Il Sole 24 Ore si confer­ma, nel 2015, il primo quotidiano di­gitale con circa 218 mila copie digitali medie (+18,5% verso il 2014) e il se­condo quotidiano nazionale per dif­fusioni complessive (carta+digitale) con un valore medio di circa 375 mila copie complessive (+2,2% vs 2014), un dato in controtendenza ri­spetto al mercato (-5,6%) che riflette il rilevante risultato delle vendite del quotidiano Il Sole 24 Ore e dei quo­tidiani verticali, e il successo conse­guente nell’attuazione della scelta editoriale di convertire gli abbona­menti domiciliati edicola in abbona­menti digitali. A completamento del sistema Sole, alle copie cartacee e di­gitali si aggiungono gli oltre 36.000 abbonamenti de IlSole24ore.com, da tre anni in paywall. Intanto, la rac­colta pubblicitaria è stata pari a 126,7 milioni di euro, in crescita dell’11,2% rispetto al 2014 e si confronta con un mercato di riferimento in calo del 2,2%, realizzando un risultato in to­tale controtendenza nel settore me­dia. L’autorevolezza del Sole 24 Ore e del brand, il miglioramento quali­tativo e quantitativo dei contenuti informativi su carta, digitale e radio hanno consentito di incrementa­re i prezzi dell’offerta pubblicitaria e hanno sostenuto il forte incremen­to dei ricavi pubblicitari, nonostante il calo del mercato. Tutti i mezzi re­alizzano risultati migliori del merca­to: Radio24 (+18,2% verso mercato +8,8%), stampa (+9,4% verso merca­to in calo del 5,7%), online (+11,2% verso -0,7% mercato). Il quotidiano Il Sole 24 Ore chiude il 2015 in crescita del 2,1%, in controtendenza rispetto al mercato dei quotidiani, in calo del 6,6% secondo i dati Nielsen del pe­riodo gennaio-dicembre 2015. Radio 24 si conferma stabilmente alla nona posizione nel ranking ascolto giorno medio, sia sull’anno che nel secondo semestre 2015 con 1.974.000 ascol­tatori nel giorno medio. Nell’ultimo trimestre 2015, gli ascoltatori dal lu­nedì al venerdì sono 2.295.000, dato più alto degli ultimi due anni, in cre­scita del 6,5% rispetto allo stesso pe­riodo del 2014. In particolare, la do­menica si è registrato un incremento del 18% rispetto al trimestre prece­dente grazie alle novità introdotte nel palinsesto, in base ai dati Radio­Monitor di GFK Eurisko. Nel 2015 Ra­dio 24 ha contribuito con un risul­tato ampiamente positivo all’ebitda ottenuto dal gruppo. I ricavi dell’Area Formazione ed Even­ti sono in crescita di 4,1 milioni di euro, pari al +14,2% e si attestano a 33 milioni di euro. La crescita è dovu­ta al buon andamento della Business School, che nel 2015 rileva una cre­scita sia nel numero delle iniziative realizzate che dei partecipanti, in aula e online, in particolare nei Master di specializzazione e Executive Master. In crescita anche i prodotti Annual ed Eventi, grazie all’aumento delle iniziative realizzate. L’ebitda dell’Area Formazione ed eventi aumenta da 3,2 milioni di euro del 2014 a 5,2 mi­lioni di euro nel 2015 (+61,7%). L’Area Cultura registra ricavi in crescita di 0,3 milioni di euro e si attestano a 19,8 milioni di euro, pari all’1,5% rispetto al precedente esercizio. Le costan­ti azioni di contenimento attuate su tutte le voci di costo, unitamente al progredire della migrazione di tutte le attività del gruppo al digitale, han­no consentito di ottenere significativi risparmi. In particolare, diminuiscono costi per materie prime (-13,6%), co­sti di distribuzione (-9,6%). I costi cor­porate sono in calo di 4,9 milioni di euro (-10,9%) rispetto al 2014. Le ti­pologie di costo in aumento sono di­rettamente correlate alla crescita dei ricavi (costi di vendita, competenze pubblicitarie editori terzi e costi rela­tivi all’area formazione). Tornando a elementi di natura finan­ziaria, il margine operativo lordo (ebi­tda) è positivo per 0,9 milioni di euro (-10,7 milioni di euro nel 2014) con un miglioramento di 11,6 milioni di euro. Un risultato ottenuto grazie alla crescita dei ricavi, alla costante atten­zione al contenimento dei costi ope­rativi delle funzioni corporate, agli ef­fetti della riorganizzazione di alcune aree di business che ha permesso di compensare l’incremento dei costi correlati alla crescita degli stessi rica­vi. Il margine operativo lordo (ebitda) dell’Editrice, positivo per 5,6 milio­ni di euro, è in miglioramento di 4,7 milioni di euro e si confronta con ri­sultato pari a 0,8 milioni di euro del 2014, confermando le dinamiche già emerse nel corso dell’esercizio, legate alle scelte editoriali innovative multi­mediali, al miglioramento qualitativo che ha anche contribuito all’ottima performance della raccolta pubbli­citaria, unitamente al contenimento dei costi e all’efficienza dei processi. Il risultato operativo (ebit), in miglio­ramento di 11,5 milioni rispetto al 2014 è negativo per 14,3 milioni di euro e si confronta con un ebit nega­tivo di 25,8 milioni di euro nel 2014 (+44,6%). Il risultato ante imposte è pari a 16 milioni di euro, in migliora­mento di 11 milioni di euro. Il risulta­to netto, pari a -24 milioni di euro, in­clude imposte sul reddito negative pari a 8,1 milioni di euro e si confron­ta con un risultato negativo di 9,8 mi­lioni di euro del 2014 che beneficiava della plusvalenza netta realizzata dal­la vendita dell’area Software, pari a 20 milioni di euro. La posizione finanziaria netta è nega­tiva per 26,8 milioni di euro e si con­fronta con un valore di +2,2 milioni di euro al 31 dicembre 2014 (era pari a -48,6 milioni di euro al 31 dicem­bre 2013) che beneficiava dell’incas­so della cessione dell’area Software avvenuta nel maggio 2014. Il flusso di cassa dell’attività operativa miglio­ra di 14,7 milioni di euro rispetto al precedente esercizio. Incidono posi­tivamente, rispetto al 2014, il miglio­ramento della redditività e il minore assorbimento del capitale circolante netto. E proprio l’assorbimento di li­quidità è attribuibile principalmen­te agli investimenti e alle uscite per oneri non ricorrenti. Il presidente del Gruppo 24 Ore, Benito Benedini, commenta così l’esito del bilancio: “Il ritorno a un margine operativo lor­do positivo già nel 2015, e cioè con un anno di anticipo rispetto ai piani e agli impegni che ho preso quando sono diventato presidente di questo gruppo, è per me motivo di gran­de soddisfazione e orgoglio. Così come sono estremamente soddi­sfatto dell’andamento dei ricavi, dei risultati della diffusione del quotidia­no, della raccolta pubblicitaria, del­la crescita di Radio 24, del successo evidente della nostra business scho­ol. Per me – ha continuato Benedini – significa che in questi anni si è raf­forzata una squadra vitale e vincen­te che ha rimesso in moto una mac­china straordinaria caratterizzata da grandi competenze. Se guardo al 2013 non posso che congratularmi con la squadra: i ricavi sono cresciu­ti, l’indebitamento è stato abbattuto e resta agiatamente dentro i cove­nants, cosa che non tutte le socie­tà riescono a rispettare; è stato fatto un ottimo lavoro sul contenimento e la razionalizzazione dei costi. Ma so­prattutto abbiamo realizzato un si­stema multimediale che ha consen­tito al Sole 24 Ore di conseguire una crescita unica sul mercato di ricavi digitali da contenuto informativo”. L’analisi di Benedini affronta anche uno scenario più generale: “L’inno­vazione che abbiamo attuato con il quotidiano e la sua filiera di do­dici quotidiani digitali specializzati, unita alla scelta vincente di un sito paywall, ha determinato un raffor­zamento decisivo in termini di an­damento corrente del giornale e ha contribuito alla performance netta­mente controcorrente della raccol­ta pubblicitaria. Il successo del si­stema multimediale Sole, che ne fa il primo quotidiano digitale italia­no, e i suoi ricavi a elevata margina­lità, in netta controtendenza rispet­to al mercato, uniti all’eccezionale andamento della pubblicità e all’in­cisiva azione dell’azienda nel conte­nimento dei costi diretti e operativi, fa in modo che non si bruci più cassa come una volta. Ma, al contrario, se ne generi. Voglio dare atto del gran­de lavoro realizzato dal nostro diret­tore editoriale, Roberto Napoletano: è un direttore straordinario e infati­cabile. Ha dimostrato capacità creati­va e innovativa, ideando un sistema multimediale unico in Europa e Usa. L’altra artefice dei risultati raggiun­ti è Donatella Treu, l’amministratore delegato: grande capacità nel crea­re la squadra, si è dedicata a questo gruppo come poche persone ho vi­sto nella mia vita da imprenditore. In definitiva, sono molto soddisfatto di aver legato il mio impegno al rilancio strutturale del Gruppo 24 Ore. Siamo a tre quarti del percorso e abbiamo l’ultimo miglio da coprire, notoria­mente quello più difficile, proprio nell’anno in cui festeggiamo i nostri 150 anni. E’ necessario continuare su questa strada singolarmente e come gruppo: il brand Sole 24 Ore è fortis­simo e ha ancora tante potenzialità da esprimere”. Per quanto riguarda l’evoluzione prevedibile della gestione, i vertici del gruppo tengono conto di una si­tuazione economica in lieve miglio­ramento, con un Pil 2015 in incre­mento dello 0,8% rispetto al 2014. Le attese per il 2016 prevedono per l’Italia una ripresa dell’economia, con una crescita del Pil dell’1,4%, secon­do quanto prevede il Centro Stu­di di Confindustria. Il trend del mer­cato pubblicitario, nel 2015, è stato ancora in flessione, con effetti diffe­renti sui diversi mezzi. Le previsio­ni del mercato pubblicitario per il 2016 sono, allo stato attuale, anco­ra piuttosto incerte e confermano un calo della raccolta pubblicitaria su quotidiani e periodici. L’evoluzio­ne della raccolta pubblicitaria per il gruppo, tuttavia, è stata positiva e in controtendenza rispetto al mer­cato su tutti i mezzi, stampa, radio e internet. Il primo bimestre del 2016 sembra confermare questa tenden­za. Il gruppo continua a persegui­re attività volte all’ottimizzazione dei processi e alla riduzione dei co­sti, a rafforzare e ampliare le iniziati­ve commerciali e continuerà a foca­lizzarsi su azioni volte all’incremento dei ricavi. Il settore editoriale sta re­gistrando mutamenti di carattere tecnologico e strutturale. I principa­li operatori dell’editoria stanno am­pliando l’offerta digitale, rendendo­la maggiormente fruibile. (E.G. per NL)
18/03/2016 12:49
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.