Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, Lombardia. Crisi anche per La Prealpina, Chiusura per redazioni Legnano e Busto
 
L’assemblea dei giornalisti del quotidiano La Prealpina, esprime “profonda preoccupazione per il proprio futuro occupazionale, per il destino stesso dello storico quotidiano varesino” e per l’apertura dello stato di crisi aperto dall’azienda dal prossimo primo aprile.
Chiusura delle storiche redazioni di Busto Arsizio e Legnano dalla settimana prossima, uscita anticipata dei due giornalisti con maggiore anzianità, contratto di solidarietà al 10 per cento per i 28 redattori ex articolo 1”. Sono i tre passaggi fondamentali dello stato di crisi che – si legge nel comunicato votato dai redattori – “avrà una durata di due anni dopo il raggiungimento dell’accordo fra azienda, Fieg, Fnsi, Associazione Lombarda dei Giornalisti e Comitato di redazione”. “Un accordo penalizzante – rileva l’assemblea dei redattori – accettato come il minore dei mali dal corpo redazionale visti i propositi iniziali dell’azienda di ricorrere alla cassa integrazione biennale, al termine della quale sette giornalisti sarebbero risultati in esubero”. L’assemblea dei redattori, “pur avendo dato il beneplacito all’accordo, esprime la sua profonda preoccupazione per il proprio futuro occupazionale e per il destino stesso dello storico quotidiano varesino, pur garantendo, come scritto ai lettori in un comunicato sindacale che sarà pubblicato domani, il massimo impegno per realizzare un giornale all’altezza della tradizione. Non è tanto il sacrificio economico a preoccupare, quanto piuttosto la decisione di ritirarsi dal proprio territorio di competenza in un momento importante per le sue possibilità di rilancio e alla vigilia dell’inaugurazione dell’Expo 2015”. (E.G. per NL)
16/03/2015 16:00
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.