Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Via libera condizionato dell’Antitrust alla concentrazione Mondadori-RCS Libri

Via libera condizionato dell’Antitrust alla concentrazione tra la Mondadori e RCS Libri, con obbligo di cessione della casa editrice Bompiani e della partecipazione in Marsilio ad acquirenti che dovranno essere preventivamente approvati dall’Autorità.
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, presieduta da Giovanni Pitruzzella, ha deliberato un provvedimento che prevede dieci “misure correttive” per autorizzare l’operazione. Prima di realizzarla, la Mondadori dovrà nominare sia per Marsilio sia per Bompiani un “fiduciario incaricato del controllo”. Nel caso in cui la Casa editrice non sarà in grado di concludere un accordo vincolante di vendita nei periodi indicati con gli omissis di legge nello stesso provvedimento, “procederà a dare un mandato di vendita irrevocabile ed esclusivo a un fiduciario incaricato della cessione”. Oltre alla cessione di Bompiani e Marsilio, le prescrizioni dell’Antitrust contengono le seguenti misure comportamentali volte a stimolare la concorrenza nell’attività editoriale e nell’attività di distribuzione di libri: - rinuncia alle clausole di opzione, preferenza e prelazione nei contratti con gli autori, sottoscritte o da sottoscrivere da Mondadori e RCS Libri, , relative a opere di narrativa e saggistica sia italiane sia straniere (con l’esclusione di Marsilio, Sonzogno e Bompiani); - messa a disposizione del catalogo di e-book alle piattaforme di vendita che ne faranno richiesta; - messa a disposizione del catalogo a operatori attivi e potenziali nella distribuzione di libri di “varia” alla grande distribuzione; - vincoli volti a garantire presenza e visibilità dei libri di editori terzi nella rete di vendita Mondadori; - finanziamento economico di 225.000 euro per l’organizzazione e la gestione della Fiera “Più Libri più Liberi” nelle prossime tre edizioni; - non peggioramento delle condizioni contrattuali applicate alle librerie indipendenti e di catena; - donazione di libri a istituti scolastici e biblioteche pubbliche, carceri minorili e ospedali; - prosecuzione e sviluppo del progetto “In libreria per la classe” che prevede attività e laboratori nelle librerie “per insegnare il piacere della lettura”; - obbligo di informare l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sulle azioni intraprese “per dare efficace e completa attuazione alle misure prescritte”. (E.G. per NL)
24/03/2016 12:00
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.