Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Grillo, media pagati per 'sputtanarci'. Accanimento sta raggiungendo limiti mai visti
Beppe Grillo dal suo blog attacca i media, in particolare tv e conduttori, per quello che definisce ''lavoro di sputtanamento'' nei confronti del M5S.
Sono ''pagati per quello dai partiti'', afferma il leader 'a cinque stelle'', sottolineando che  "l'accanimento delle tv ha raggiunto limiti mai visti'' . ''E' qualcosa di sconvolgente, di morboso, di malato, di mostruoso, che sta sfuggendo forse al controllo dei mandanti'', aggiunge. (ANSA)
07/03/2013 13:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Recentemente è scoppiata una nuova polemica che coinvolge la stampa italiana e il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, scaturita da un post sul suo blog nel quale il comico suggerisce l’istituzione di una giuria popolare “che determini la veridicità delle notizie pubblicate dai media”.
''Penso che il cittadino Beppe Grillo, leader di un movimento che ha riscosso cosi' tanto consenso presso gli italiani, abbia il diritto di chiedere e aver le spiegazioni da lui sollecitate alla Rai. Ma sono necessari gli insulti?".
In merito a dichiarazioni odierne del senatore Michele Giarrusso (M5S), Mediaset precisa che "'istituto della "concessione" nel settore televisivo non esiste più dal luglio 2012, data in cui tutto il sistema ha abbandonato la tecnica analogica ed è passato alla tecnica digitale. Le trasmissioni digitali hanno luogo in base ad
Il leader del Movimento 5 Stelle punta alla “rinegoziazione delle frequenze nazionali generosamente concesse a Berlusconi da D'Alema nel 1999”, chiedendo l'appoggio a riguardo del PD.
Il segretario generale della Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), Franco Siddi e Mario Salani di Mediacoop (associazione delle cooperative giornalistiche, editoriali e della comunicazione) si sono rivolti al premier Mario Monti per la necessità impellente di incrementare di almeno 70 milioni la dotazione del Fondo Editoria per i contributi alle cooperative di giornalisti, alle testate di idee, no profit e di partito.