Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il digitale terrestre è già vecchio. La tv on demand sarà su Internet. La7.tv apripista di una nuova era
Chi punta solo al DTT è tagliato fuori dal mercato: è vecchio e obsoleto. La multipiattaforma tv è arrivata prima del decoder-unico. Su La7.tv è già possibile scegliere e rivedere, gratuitamente via pc, i programmi trasmessi durante l'ultima settimana.
Del resto era solo questione di tempo e noi questo momento l'avevamo profetizzato sin dal 2006. ''La7 e' la prima tv in Italia ad offrire in modo gratuito ed in alta definizione il proprio prodotto su web", ha spiegato oggi l'a.d. di Telecom Italia Media, Mauro Nanni, presentando a Milano il nuovo servizio che nell'arco di pochi anni potrebbe bruciare gli enormi investimenti effettuati per il DDT, una tecnologia ormai superata nonostante sia agli esordi. La televisione diviene quindi, a pieno titolo, multistandard: oltre all'ormai antico sat e al digitale terrestre, la tanto decantata tv on demand via internet è realtà. Confidando sul fatto che oltre 30 milioni di italiani accedono ad Internet e guardano in media 30 minuti di video al giorno, che gli utenti del web che seguono la tv in due anni sono triplicati e che la pubblicita' online è cresciuta del 5,2%, Telecom Italia Media ha deciso di entrare in grande stile nell'ultimo e più promettente territorio del digitale televisivo, su cui le più grande imprese televisive del mondo stanno del resto puntando gli occhi. Le potenzialità della tv sul web sono infatti potenzialmente infinite: non c'è nessun problema di spazio per domiciliare i contenuti, a differenza del DTT e del Sat (la cui capacità trasmissiva è limitata, soprattutto nel primo caso) e quindi l'archivio on demand può assumere dimensioni inimmaginabili per gli altri formati tecnologici. TI Media ha quindi deciso di scommetterci (anche in prospettiva dell'imminente sviluppo della banda larga) e, con ogni probabilità, sarà a breve seguita non solo dagli altri superplayer, ma anche dai competitori di livello imprenditoriale inferiore perché, in effetti, come andiamo dicendo da anni su queste pagine, gli investimenti per creare un'infrastruttura di questo tipo in rete sono enormemente inferiori a quelli per le altre piattaforme. Su La7.tv saranno disponibili tutti i programmi tv, compresa una carrellata storica delle puntate piu' belle di tutte le trasmissioni, a disposizione online a partire dalla seconda settimana di programmazione. ''Il futuro della Tv sta nell'interattivita''', ha sottolineato il vicepresidente Giovanni Stella secondo il quale il digitale terrestre, come lo conosciamo oggi, non ha alcun futuro. ''Si passera' da una televisione, strumento passivo ad uno strumento attivo", ha detto Stella, aggiungendo che "Sara' un passaggio importantissimo rispetto al digitale terrestre che non ha interattivita' e che e' quindi presto destinato ad essere superato''.
04/12/2009 23:30
 

Tv on demand su internet. Gli apripista siamo noi

Scusate se è poco, ma gli apri pista pionieri siamo noi con www.canaleeuropa.tv.
Cordiali saluti
 
Roberto Salvini e Antonio Formichetti
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.