Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Indagini Audiradio separate: verso la ghettizzazione delle locali?

Se si farà, sarà l'inizio della fine. Stiamo parlando dell'ipotesi, che gira da alcuni giorni, di una doppia indagine Audiradio: una dedicata alle nazionali, l'altra alle locali. E quel che è peggio è che l'apartheid radiofonico potrebbe perfino trovare il placet di Agcom e Antitrust, che dopo gli esposti a seguito del "caso soglia" avrebbero in animo di richiedere modifiche ai criteri di rilevazione per le radio locali che potrebbero proprio andare in questa deleteria direzione. L'autobus degli ascolti, che ha quale ultima fermata i centri-media, potrebbe essere quindi diviso - senza una necessità oggettiva - in una prima e in una seconda classe, in ossequio all'ennesima legge razziale voluta da un'oligarchia mediatica sempre più radicata nel nostro paese. Ma la creazione del ghetto, come abbiamo avuto modo di illustrare nell'editoriale di questa settimana, almeno stavolta, non sarà colpa dei soliti padroni dell'etere, bensì dell'indifferenza degli interessati, solitari scientemente isolati. Come purtroppo quasi sempre è accaduto nella storia delle emergenze nella radiofonia locale italiana, allorquando fu portata alla ribalta la decisione della società Audiradio di alzare la soglia minima di ingresso in classifica (e ci piace ricordare che fu proprio questo periodico a lanciare il sasso nello stagno), la reazione fu di sospetto ("Cui prodest hoc horribile bellum?"). Gli editori si mostrarono in sequenza: tiepidi, moderatamente allarmati, attendisti (su chi avrebbe fatto il primo passo), scoordinati, rassegnati e (solo ora) imbestialiti. Vero è che grande responsabilità ricade sulle rappresentanze sindacali delle locali, che, fatta eccezione per la REA (unica ad aver preso posizione in maniera veramente decisa sulla vicenda), hanno opposto proteste flebili, quasi sussurrate, non certamente all'altezza della gravità della situazione. E sì che proprio questa avrebbe dovuto essere l'occasione per urlare le proprie ragioni. Ma, forse, la verità è molto più banale. Delle emittenti locali non frega più niente a nessuno. Nemmeno a loro stesse.
12/05/2009 20:36
 

Associazioni di categoria: che ci stanno a fare?

Ma le associazioni delle radio locali non siedono ai tavoli di Audiradio? Che delusione... Però, siccome tendo a vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, ho una piccola soddisfazione: quest'anno risparmierò qualche migliaio di euro. Per l'iscrizione ad Audiradio e per la quota associativa alla mia (ex) associazione. Almeno con quei soldi mi farò qualche giorno di vacanza alla faccia loro.
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
E' tragicamente scomparso oggi a Mazara del Vallo (Tp) Giuseppe Romeo, tecnico delle tlc ed ex editore radiofonico siciliano. Romeo stava lavorando insieme al collega Vincenzo Miraglia, rimasto gravemente ferito, su un traliccio di telecomunicazioni, dove era imbragato, che è rovinosamente caduto dopo aver ceduto alla base per ragioni da verificare.
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La stazione interregionale Radio Millennium, edita dalla milanese Elite srl, ha aquistato dall'emittente Radio Stella FM di Porlezza (Co), cinque impianti FM facenti servizio sulle province di Como, Lecco e sulla Svizzera Italiana.