Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet: i tablet spingono l'uso del web, ma sottraggono spazio a tv. Fujitsu-Intel-Doxa: 60% utilizzatori oggi naviga di più
L'avvento dei tablet sta contribuendo a incrementare il tempo speso su Internet in Italia: il 60% dei possessori della tavoletta, infatti, naviga di più rispetto al periodo precedente l'acquisto del gadget. È lo scenario delineato da una ricerca Fujitsu e Intel, sviluppata da Doxa.
Secondo l'indagine, cresce anche la fruizione dei quotidiani e dei periodici per circa il 40% dei soggetti intervistati ma c'è un effetto negativo sulla tv: quasi il 30% dichiara di guardarla meno di prima. Secondo l'indagine, il 50% degli intervistati si dice convinto che si tratti di un dispositivo destinato a raggiungere in Italia la stessa diffusione dei cellulari. Nel contempo, due su tre degli attuali non possessori (attualmente utilizzano pc portatile o smartphone) hanno preso seriamente in considerazione l'acquisto del dispositivo nei prossimi 3-6 mesi. Quasi il 60% dei possessori, inoltre, usa la tavoletta sia per lavoro che per il tempo libero e a sorpresa sono i meno giovani (tra i 44 e i 55 anni) a utilizzarlo prevalentemente per motivi di svago. Forte (84%) l'esigenza di poter disporre di un tablet che sia in grado di garantire un'integrazione con i software abitualmente usati nell'attività lavorativa. Circa l'80% del campione ritiene, inoltre, che il device debba garantire un maggior livello di sicurezza dei dati. Infine, il 32% vorrebbe poter affiancare alla modalità 'touch' l'uso di una penna ad hoc per poter lavorare con maggiore precisione e il 40% degli utilizzatori considera elemento da migliorare la possibilità di accedere a supporti di memoria esterna. (ANSA)
22/10/2011 07:06
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.

Si chiude in bellezza il 2016 per la raccolta pubblicitaria sul mezzo televisivo che sale del 5,4% rispetto al 2015 e si stabilizza a quota 3,84 mld di euro.
Mediaset si aggiudica il 56,2% de

Il prossimo anno porterà diverse novità nel settore digitale nell'Unione Europea. A partire dal 15/06/2017, i costi delle chiamate, dei messaggi e del traffico internet saranno uniformati in tutta l'Unione e per prevenire frodi e abusi verrà vietato l'acquisto di sim in paesi diversi da quello di residenza (paesi nei quali, ad esempio, si applicano costi d'acquisto inferiori).
Sembra proprio che, in tema di ascolti, questo 2017 non porterà buone nuove per i player generalisti. I segnali di tempesta ci sarebbero tutti: non oggi, forse nemmeno domani, ma quel consumo televisivo in calo, fra un anno e l’altro, del 15,6% fra i 15-19enni e del 9,7% fra i 25-34enni è un fattore che dovrebbe tenere alta l’attenzione.