Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
L’editoria fa bene a puntare sui tablet pc. Dal presidente di UPA la conferma
I tablet pc come l’iPad si stanno dimostrando lo strumento giusto al momento giusto per il mondo dell’editoria ed è “sicuramente la strada da percorrere per la stampa quotidiana e periodica”.
A confermarlo è Lorenzo Sassoli de Bianchi – presidente di Utenti pubblicità associati – in occasione della prima serata dell’evento che ogni anno è organizzato a Milano dall’Interactive advertising bureau (IBA). Il presidente di Upa aggiunge inoltre che “sull’iPad ci si lascia sedurre volentieri dalla comunicazione pubblicitaria” e “i quotidiani ma soprattutto i periodici” non possono non abbracciare questa nuova modalità di comunicazione. Un respiro di sollievo dunque per gli editori che stanno puntando gran parte delle energie e delle risorse nella forma digitale dei loro giornali di informazione al fine di implementare le vendite e aggiudicarsi qualche investitore pubblicitario. Tuttavia, Diego Masi direttore di Assocomunicazione ha sottolineato come il prodotto digitale sia ancora poco diffuso tra i consumatori e spesso i prezzi dei quotidiani risultano essere ancora un po’ troppo alti per invogliare il trapasso dalla versione cartacea a quella online. Oltre oceano buoni risultati li registra Wired, con 100mila versioni digitali acquistate e 22 mila solo a settembre. Per Chris Anderson, direttore della testa, la chiave del successo risiede nel trovare un proporzionato prezzo alla rivista, in modo da ottenere il giusto numero di acquirenti e assicurarsi in tal modo un buon equilibrio tra introiti pubblicitari e ricavi derivanti dalle vendite. (M.C. per NL)
07/11/2010 16:13
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.