Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
L’illusione del passaparola on line. Con il Web 2.0 la battaglia di marketing diventa interattiva e si svolge su piazze virtuali
Il Web 2.0, ossia l’evoluzione della rete che consente, attraverso varie applicazioni, uno spiccato livello di interazione sito-utente come blog, forum, chat e social network (esempi ne sono wikipedia, youtube, facebook), sta fornendo alle imprese nuovi mezzi per gestire la battaglia di promozione di prodotti, servizi e brand.
Si chiama buzz marketing e altro non è che l’attività di marketing online adottata dall’impresa finalizzata ad informare e far parlare del proprio prodotto o brand o servizio, creando una sorta di passa parola indotto. Attraverso questa azione commerciale non convenzionale l’azienda cerca di fornire agli utenti motivo per parlare dei propri prodotti, alimentando e facilitando conversazioni a questo attinenti. Tecnica più pressante è invece quella dell’astroturfing, variante del buzz marketing sotto il profilo strutturale: i consensi, infatti, non sono reali, ma vengono simulati. Sono le aziende produttrici del brand oggetto di campagna, nonché le lobby interessate a promuoverlo, che creano consensi artificiali e apparenti, lanciando discussioni sotto false identità o pagando qualcuno per farlo, con l’obiettivo di manipolare l’opinione degli utenti. In Italia il fenomeno dell’astroturfing è nella fase due: non è l’azienda che cerca di promuovere “dietro le quinte” il suo prodotto, ma attacca l’azienda concorrente per creare non più consensi attorno al prodotto, bensì un’opinione negativa. Scopo: minare la reputazione dell’antagonista e spingere il consumatore verso i propri prodotti. Le nuove strategie di marketing virtuale, incalzate dalle innovative tecnologie che consentono una maggiore interazione con gli utenti (aspetto complicatissimo fino a qualche anno fa) hanno tuttavia i loro risvolti negativi. Infatti, non tutto ciò che si scrive sul web sia esso di segno positivo o negativo, corrisponde alla realtà dei fatti e i danni che potrebbero derivare potrebbero essere maggiori di quanto si pensi in termini sia di reputazione che, di conseguenza, economici. Secondo Andrea Barchiesi, managing director presso Reputation Manager – società specializzata nel monitoraggio on line di brand e reputazioni di marchi e prodotti – il mercato si dovrebbe auto-regolamentare in quanto l’utente alla lunga si accorgerebbe di discussioni troppo “taroccate” nei forum. Le aziende, dal canto loro, stanno iniziando a utilizzare maggiormente gli strumenti interattivi che il web 2.0. mette a loro disposizione, al fine di accrescere la c.d. "costumer retention", ossia la fidelizzazione del consumatore, verso i propri prodotti, la quale dipende sempre più dal grado di interazione che è in grado di offrire all’utente. Esempi si rinvengono nel settore delle auto ove le case produttrici coinvolgono l’utente attraverso la prova su strada o l’allestimento virtuale del veicolo. La trasparenza gioca un ruolo fondamentale per radicare nel consumatore la fedeltà al marchio, anche se le difficoltà insite nella natura di tali mezzi, nonché la possibilità di effettuare un attento monitoraggio, rappresentano forti ostacoli. (M.C. per NL)
23/06/2010 16:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.