Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libia: tre giornalisti della Bbc picchiati e minacciati di morte anche con finta esecuzione. Trattenuti per 21 ore dalle truppe di Gheddafi
Ore di terrore per tre giornalisti della Bbc finiti nelle mani delle truppe di Muammar Gheddafi mentre, lunedì scorso, stavano cercando di andare a Zawiya e che sono stati trattenuti, picchiati e torturati, prima di essere rilasciati 21 ore dopo.
Goktay Koraltan, Feras Killani e Chris Cobb-Smith – ormai fuori dalla Libia - sono stati fermati a un posto di blocco dei governativi sulla strada per Zawiya, a circa 40 km da Tripoli, e, malgrado avessero mostrato i loro documenti, sono stati portati in una grande caserma nella capitale. Qui sono stati bendati, ammanettati e picchiati a pugni, ginocchiate e con i fucili. I tre sono stati anche sottoposti a finte esecuzioni da parte dei soldati e dalla polizia segreta. ''Siamo stati messi in fila contro un muro - ha raccontato Cobb-Smith - Io ero l'ultimo, la faccia rivolta contro la parete''. ''Ho guardato - ha proseguito - e ho visto un uomo in borghese con una mitraglietta, che puntava al collo di ciascuno. Io l'ho visto e lui ha urlato, poi mi è venuto vicino, ha mirato al mio collo e tirato il grilletto due volte. I proiettili hanno sfiorato le mie orecchie, i soldati ridevano''. Killani, che è di origine palestinese, ha detto di essere stato ripetutamente picchiato: i militari gli dicevano di non avere apprezzato il suoi servizi sulla rivolta libica, accusandolo di essere una spia. Koraltan ha affermato che erano tutti convinti che sarebbero morti. Il team della Bbc ha visto durante la prigionia detenuti libici, molti di Zawiya, brutalmente torturati: ''È indescrivibile quanto terribile fosse - ha detto Koraltan - Erano quasi tutti bendati e ammanettati molto strettamente, con mani gonfie e costole rotte. Soffrivano molto, gridavano''. Un esponente governativo libico di alto rango si è in seguito scusato per il trattamento riservato ai giornalisti dell'emittente britannica. Ma la Bbc, in un comunicato, ha ''fermamente condannato questi maltrattamenti''. ''È essenziale - ha aggiunto - che ai giornalisti che lavorano per la Bbc o per ogni altro mezzo d'informazione sia consentito di riferire della situazione in Libia senza timore di essere attaccati''. L'emittente ha comunque assicurato che continuerà a coprire gli sviluppi della situazione in Libia. (ANSA)
 
 
10/03/2011 15:04
 
NOTIZIE CORRELATE
Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.
Non sembrano aver fine i tagli in casa Bbc, società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo nel Regno Unito, nonché il più grande editore radiotelevisivo inglese con sede a Londra: da febbraio 2016, infatti, Bbc3, il canale dedicato ai giovani, abbandonerà la tv lineare per diventare un canale unicamente on line.
La Bbc annuncia all’orizzonte ulteriori tagli che rischiano di tradursi in almeno 30 mila nuovi licenziamenti all’interno dell’industria televisiva inglese.
La sede dell'emittente televisiva libica «al Naba» è stata oggetto di un attacco nel fine settimana. Un gruppo di miliziani armati ha lanciato due razzi contro la palazzina che ospita gli uffici dell'emittente causando ingenti danni materiali ma senza provocare feriti, dato che all'ora dell'attacco gli uffici erano chiusi.
L’azienda del Regno Unito pressa gli utenti che si rifiutano di pagare il canone televisivo, che ammonta a 145,5 sterline: “Facciamo bene a fare tutto quello che possiamo” tuonano i vertici.