Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Numeri LCN, accordo di autoregolamentazione, Federico (Retecapri) a DGTVi: "Non faccio il pollo tra le volpi!". Intanto monta il disappunto tra le locali
"Costantino Federico, editore di Retecapri, non ci sta a fare il “pollo” nel “consiglio di volpi” partorito nelle stanze riservate e segrete del DGTVi".
E' netto il Coordinamento Nazionale Televisioni - Terzo Polo Digitale (associazione che ha Retecapri come associato di spicco) sulla pomposa dichiarazione dell'associazione per il digitale terrestre DGTVi a riguardo di un preteso "accordo condiviso" sulla gestione dei logical channel number (LCN). Per Costantino Federico, si sarebbe trattato di un vero e proprio “pactum sceleris” con quale i "maggiori operatori (con l’esclusione di molte emittenti tra cui Retecapri e di numerose associazioni di categoria come il CNT – Terzo Polo Digitale)" avrebbero deciso l’assegnazione delle posizioni LCN, cioè la lista che ordina automaticamente la sequenza di programmi sui decoder DTT. "Ai maggiori broadcaster nazionali RAI e Mediaset a cui stranamente verrebbe aggiunto La 7 spetterebbero i posti da 1 a 9 e alle Tv locali quelli da 10 a 19", continua Federico, mentre a "Retecapri, emittente nazionale storica, nata addirittura prima di Canale 5, verrebbe assegnata la numerazione 21 e a seguire i canali per bambini". Costantino Federico nel respingere "l’assurda proposta proveniente da un accordo segreto tra pochi privilegiati ha già avviato le opportune iniziative presso il MSE e l’AGCOM individuando e predisponendo le necessarie azioni giudiziarie". E, a quanto risulta a questo periodico, l'editore dei Faraglioni non è solo, considerato che numerose sono le stazioni, anche associate ai sindacati firmatari, profondamente contrarie alla soluzione prospettata da DGTVi ad Agcom (che per il momento - è bene ricordarlo - impegna solo i soggetti sottoscrittori).  Federico, ironicamente, dichiara di aver "già prenotato l’aereo per Berlino alla ricerca del giudice che pur dovrà esserci e che impedirà il consumarsi di questa nefandezza". Ambrogetti, presidente di DGTVi, avrebbe "invitato Retecapri ad aderire allo schema di ordinamento dei canali decisi dai “congiurati”, precisa Costantino Federico, che per parte sua avrebbe "ringraziato, ma declinato l’invito motivando che sarebbe ben lieto di festeggiare il Thanksgiving day, il giorno del Ringraziamento, ma di non poterlo, e di non volerlo fare nella parte del tacchino".
14/11/2009 15:16
 

LCN e proposte ridicole per le locali

non mi è simpatico Federico, che strilla per il secondo mux quando manco aveva diritto al primo. Ma trovo anch'io ridicola la proposta di DGTVI che preserva solo le prime 9 reti nazionali ed una manciata di locali (che lotteranno come galli nel pollaio). Trovo anche penosa la sottomissione delle associazioni di emittenti locali al volere delle nazionali. Ma che ci stanno a fare? Perché le paghiamo (anzi, le pagate, visto che io il mese scorso ho mandato la disdetta)?. Quello che mi interessa ora sapere è se il Garante delle Comunicazioni è lì per fare il notaio delle decisioni dei grandi o per prendere veramente in mano la situazione, studiandola seriamente e proponendo qualcosa di serio.
 
M.A.
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Nei processi, siano essi civili, penali o amministrativi, è spesso richiesto l’intervento di parti terze rispetto ai litiganti, utili a coadiuvare i giudici in diverse fasi del giudizio, come nel caso del Commissario ad acta, un funzionario pubblico nominato dal giudice amministrativo nell'ambito del giudizio di ottemperanza a cui viene conferito il compito di emanare i provvedimenti che avrebbe dovuto emettere un ente, che però si è rivelato inadempiente.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Forse è la volta buona. Della collocazione sul mercato dei preziosi asset quale fornitore di servizi media audiovisivi nazionale con associati importanti logical channel number (LCN) abbiamo parlato in molte occasioni su queste pagine.