Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Podcast. Nielsen comunica l’avvio nel 2017 di un sistema di misurazione degli ascolti non esclusivamente numerico

Nielsen, attraverso il proprio sito istituzionale, ha comunicato di volere avviare nel 2017 un sistema di misurazione degli ascolti dei podcast che sia funzionale ad un utilizzo da parte delle agenzie pubblicitarie.
Il progetto Scarborough di Nielsen ha fatto notare come il consumo di podcast da parte dei cittadini maggiorenni sia raddoppiato negli ultimi cinque anni, il che risulta oggi essere quindi un parametro imprescindibile per le campagne pubblicitarie. Nonostante il boom di ascoltatori, ad oggi la mancanza di metriche di misurazione del consumo di podcast piuttosto che dei semplici download ha mantenuto molti inserzionisti lontani dall’investire somme di denaro ingenti nel settore del podcasting.“Il podcasting sta avendo rapido successo, questo fenomeno non può essere ignorato dall’industria radiofonica ed è qualcosa che non si vedeva da molto tempo” – così si esprime Brad Kelly, direttore di Nielsen Audio. La vera differenza di misurazione proposta da Nielsen è il sistema, che non è più deterministico e basato sui download, ma è “ambientale” e basato sul sentimento che ha l’utenza verso il contenuto.  Tale misurazione verrà effettuata utilizzando grandi quantità di dati e sfruttando l’aiuto di aziende terze, partendo da Facebook. Aziende come ESPN hanno infatti comunicato di non essere convinte della possibile monetizzazione del podcasting fin quando non esisterà una metrica universalmente accettata per la verifica del ritorno d’interesse sul singolo contenuto. In questo senso l’operazione svolta da Nielsen, sempre secondo quanto comunicato da ESPN, riflette perfettamente gli obiettivi dell’emittente televisiva sportiva statunitense, che ha abbracciato l’iniziativa (F.M per NL)

26/01/2017 16:31
 
NOTIZIE CORRELATE
Novità per Nielsen, che finalmente conquista la certificazione Media Rating Council (Mrc) negli Usa per la metodologia “Digital in Tv Ratings", che permette di associare alla tradizionale audience tv il pubblico che utilizza abitualmente altri supporti digitali, integrando quindi pc, tablet, smartphone e affini nella raccolta di dati interconnessi alla fruizione degli stessi programmi emessi su piccolo schermo.
Si chiama “Immagino”, ed è il servizio web creato da Nielsen in collaborazione con GS1, per analizzare con precisione i trend di consumo.
Secondo i dati Nielsen, nei primi 11 mesi del 2016 in Italia la raccolta pubblicitaria è cresciuta dell'1,7% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, ma se si prendono in considerazione anche i dati relativi a search e social, settori non monitorati nella ricerca, allora il risultato potrebbe essere vicino al +3,7%.
Il mercato degli investimenti pubblicitari nei primi dieci mesi dell’anno si attesta a +2,0% rispetto allo stesso periodo del 2015. Nel singolo mese di ottobre la raccolta è in calo dell’1,7%.
“Autunno di bonaccia per il mercato: nulla di imprevisto da parte degli operatori”, fa sapere Alberto Dal Sasso, TAM e AIS Managing Director di Nielsen.