Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Calo a doppia cifra a giugno. Tra le responsabilità: la crisi greca e l'assenza dei mondiali. Fuori dal coro la radio: +7,5%

Come ipotizzato, il mercato pubblicitario riduce la ripresa nel primo semestre 2015 e sconta una flessione del 2,8% rispetto allo stesso periodo 2014 (che però si contrae a -0,2% contando la porzione di web non monitorata - principalmente search e social).
Nel complesso, gli investimenti ammontano quindi a 3,24mld di euro. Grave la situazione sul singolo mese di giugno, con un calo  del 10,2%, pari a 94mln di euro. La contrazione è dovuta in parte al rallentamento dell'economia in conseguenza della crisi greca che aveva raggelato i mercati, ma soprattutto al fatto che il confronto avviene con il mese analogo del 2014 contraddistinto dalla presenza dei mondiali di calcio brasiliani: un’assenza di cui risente in particolar modo la televisione, che a giugno segna un -14,3%, chiudendo il semestre a -3% a quota 1,93mld. In particolare, secondo elaborazioni di “Daily Media”, la flessione per Rai è dell’8,2%, per Mediaset dello 0,7%, per La7 del 9,8% e per Sky del 10,6%. Crescono invece Mtv e Discovery Italia, rispettivamente del 14,1% e del 18,1%. Per quanto riguarda gli altri settori, calano quotidiani (-8%), periodici (-3,4%), internet (-3,1%), out of home tv (-4,9%), cinema (-0,2%) e direct mail (-4,2%). Segno positivo invece per radio (7,5%), outdoor (4,2%) e transit (14%). Nerl dettaglio dei settori merceologici, nove di essi sono in crescita o intorno alla parità, per un apporto di circa 58mln di euro. Nel merito, crescono alimentari (+4%, circa 17,2mln) e farmaceutici (+5,2%, 8,9mln), mentre risultano in flessione finanza/assicurazioni (-2,9%, 5,1mln), automotive (-3,3%, 11,2mln) e telecomunicazioni (-12,5%, 25,1mln). I maggiori apporti alla crescita derivano da servizi professionali (+16,8%), gestione casa (+4,1%), oggetti personali (+5,1%) ed enti/istituzioni (+9,2%). (E.G. per NL)

01/08/2015 11:34
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Si è spento oggi, all’età di 78 anni, Leone Di Lernia, cantante e conduttore radiofonico, pugliese verace (originario di Trani) e di adozione milanese.