Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità, gennaio 2016 a +3,5%. Bene internet (+6%), tv (+4,7%) e quotidiani (+2,2%). Male Radio (-3,4)

Bene il generale il mercato degli investimenti pubblicitari nel mese di gennaio 2016: +2,5% rispetto allo stesso mese del 2015; percentuale che si traduce in 10,6 milioni in più.
Peraltro, calcolando anche la porzione di web di search e social stimata da Nielsen, la crescita si attesterebbe intorno al +3,5%. “Dopo la buona performance dell’autunno – dettaglia Alberto Dal Sasso, Advertising Information Service Business Director di Nielsen – il mercato italiano dell’advertising parte bene nel 2016. Seppur contenuta, la crescita tiene nel primo mese dell’anno, mostrando segnali di conferma per il primo trimestre, con un trend positivo che va consolidandosi anche sul medio periodo. Un’eventuale conferma in positivo del primo trimestre è in linea con quanto ci deriva dagli indicatori macroeconomici, basti pensare alla produzione industriale che a gennaio è cresciuta del 3,9%. Siamo tutti in attesa di capire come le misure espansive annunciate la scorsa settimana dal presidente Draghi possano influire come spinta all’economia e alle imprese in particolare. Anche se gli economisti affermano che i primi effetti li potremo vedere dal terzo trimestre in avanti è indubbio che un maggiore accesso al credito da parte delle imprese potrebbe liberare risorse per il mondo della comunicazione, anche alla luce del fatto che per la prima volta alcune misure riguardano i bond delle aziende ad alto rating”, conclude il manager. Nel dettaglio dei singoli mezzi, la Tv chiude il mese con una crescita del 4,7%, con prospettive positive per febbraio (marzo invece potrebbe segnare un rallentamento, stando alle prime indiscrezioni). Discreto start-up di inizio anno per i quotidiani, con +2,2% che dà una positiva inversione di tendenza rispetto alla costante discesa di tanti anni; malissimo invece i periodici, che chiudono gennaio a -14,1%. Segno negativo preoccupante per la radio, che fino a dicembre era il mezzo che registrava costanti segnali incoraggianti: -3,4% rispetto a gennaio 2015. Stabile Internet, relativamente al perimetro attualmente monitorato in dettaglio, con +0,2%. Sulla base delle stime desk di Nielsen sul digitale in generale, il web chiude il mese in terreno positivo, intorno al 6%. Ancora in trend negativo il cinema (-8%) e il direct mail (-3,7%). In crescita l’outdoor (+ 31,5%) e l’out of home (+38,4%). Stabile invece il transit (-0,1%). (E.G. per NL)
15/03/2016 13:22
 
NOTIZIE CORRELATE
Novità per Nielsen, che finalmente conquista la certificazione Media Rating Council (Mrc) negli Usa per la metodologia “Digital in Tv Ratings", che permette di associare alla tradizionale audience tv il pubblico che utilizza abitualmente altri supporti digitali, integrando quindi pc, tablet, smartphone e affini nella raccolta di dati interconnessi alla fruizione degli stessi programmi emessi su piccolo schermo.
Nielsen, attraverso il proprio sito istituzionale, ha comunicato di volere avviare nel 2017 un sistema di misurazione degli ascolti dei podcast che sia funzionale ad un utilizzo da parte delle agenzie pubblicitarie.
Si chiama “Immagino”, ed è il servizio web creato da Nielsen in collaborazione con GS1, per analizzare con precisione i trend di consumo.
Secondo i dati Nielsen, nei primi 11 mesi del 2016 in Italia la raccolta pubblicitaria è cresciuta dell'1,7% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, ma se si prendono in considerazione anche i dati relativi a search e social, settori non monitorati nella ricerca, allora il risultato potrebbe essere vicino al +3,7%.
Il mercato degli investimenti pubblicitari nei primi dieci mesi dell’anno si attesta a +2,0% rispetto allo stesso periodo del 2015. Nel singolo mese di ottobre la raccolta è in calo dell’1,7%.