Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità istituzionale, a Mediaset la fetta più grande degli stanziamenti governativi
 
Il Governo nel 2014 ha destinato il 57% della pubblicità istituzionale, pari a 2,5 milioni di euro (su 4,9 mln), alle reti Mediaset. Lo rende noto, in un articolo che sottopone ad analisi i dati Nielsen sull'argomento, il Fatto Quotidiano.
In realtà, la decisione potrebbe risultare oggettivamente giustificata, considerati i volumi d'ascolto complessivi delle reti di Cologno Monzese. Tuttavia, fa certamente effetto leggere che l'esecutivo corrente nell'anno passato avrebbe investito in maniera molto più corposa sulle reti della famiglia Berlusconi (+369%), posto che il Governo Letta aveva indirizzato al Biscione "solo" il 10% della somma disponibile. La cifra rimanente del budget 2014 sarebbe stata ripartita tra Sky, La7, il cinema, la radio e il web (ma in quest'ultimo caso con una drastica riduzione, pari al -70%), esclusa la RAI che veicola spot gratuitamente. Nel dettaglio dei singoli dicasteri, annota il quotidiano, il Ministero della Salute ha destinato 1,7 milioni di euro su 2 milioni a Mediaset, i Beni culturali 631 mila su 800 mila, mentre la Cassa depositi e prestiti avrebbe indirizzato 953 mila su un complesso di 2,5 milioni. (M.L. per NL)
17/03/2015 08:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.