Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RAI, Cda: MSE ci deve oltre un miliardo per differenza tra monte canone e spese prodotti servizio pubblico. Verna (Usigrai): siamo d’accordo con il Dg Lorenza Lei
Il cda della Rai ha dato il via libera unanime ad una diffida al ministero dello Sviluppo Economico per il pagamento di circa un miliardo e trecento milioni di euro che costituisce la differenza tra quanto incassato dal canone e quanto speso per prodotti di servizio pubblico tra il 2004 e il 2010.
Il d.g. ha chiesto la presa d'atto del cda della lettera per il recupero dei corrispettivi dovuti in base alla legge vigente. I consiglieri hanno dato il loro via libera all'unanimità. Sulla base dei dati certificati di contabilità separata dal 2005, risulterebbe dovuta una somma di vicina al miliardo e trecento milioni di euro. Secondo gli amministratori Rai, il ministero avrebbe assicurare copertura per legge gli obblighi di servizi pubblico, finanziati di fatto anche da fonti extra-canone.  ''Molto bene hanno fatto il direttore generale Lorenza Lei e il Cda ad aver proposto ed approvato la diffida al Ministero dello Sviluppo economico sulla questione del canone. Ci sentiamo idealmente partner di questa iniziativa", ha dichiarato in una nota il segretario dell'Usigrai, Carlo Verna. ''Il tema - ha proseguito Verna - lo sollevai con forza nel corso dell'audizione in Vigilanza circa un anno e mezzo fa, sostenendo che non vi fossero, senza garanzie di effettiva corresponsione delle somme dovute, le condizioni per firmare il contratto di servizio. Dobbiamo anche un ringraziamento al consigliere Antonio Verro per la difesa dei finanziamenti a Rai international e alle trasmissioni per le minoranze linguistiche''. ''Infine - ha concluso Verna - le straordinarie sulla morte di Gheddafi, le proteste di sabato (quando peraltro fecero molto bene Rainews, la radio e il Tg3) sono servite. Stavolta risposte adeguate di tutti, anche di chi non fu messo in condizioni di darne qualche giorno fa''. (fonti ANSA e Adnkronos)
 
 
21/10/2011 15:23
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.