Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Riforma Rai. Pierfrancesco Gallizzi (Fnsi): “Ok, ma Renzi non dimentichi le radio e le tv locali”
 
"Renzi ha ragione quando dice che senza la riforma della Rai, come motore identitario e culturale del Paese, non saremo in grado di fare un investimento nel Paese.
Allo stesso tempo, però, il premier non dimentichi le moltissime televisioni e radio locali che, a causa della crisi economica, hanno chiuso o stanno per chiudere. Realtà che, di fatto, offrono un servizio pubblico ai cittadini informandoli su ciò che accade nelle loro città e nei loro paesi". Lo dice Pierfrancesco Gallizzi, consigliere della Federazione Nazionale della Stampa Italiana e vicepresidente dell'Associazione Lombarda dei Giornalisti, a nome del Movimento Liberi Giornalisti, commentando quanto dichiarato oggi dal presidente del Consiglio. "Governo e Parlamento, dunque - aggiunge Gallizzi in una nota - diano un segnale forte a favore delle televisioni e radio locali che autoproducono telegiornali e programmi d'informazione utilizzando propri dipendenti. Solo così, come da tempo sostiene anche il segretario nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, Paolo Pirovano, potremo impedire di mettere la parola fine a quei media che ancora riescono a dare notizie locali diventando, appunto, motore identitario e culturale del Paese". ''La crisi della pubblicità e più in generale del sistema produttivo italiano - conclude Gallizzi - non permettono a moltissime di queste aziende di andare avanti. Alcune hanno già chiuso, altre lo stanno per fare. Altre ancora hanno deciso di dedicarsi solo alle televendite. Destinare risorse pubbliche o una quota del canone Rai alle televisioni e radio locali che autoproducono telegiornali e programmi d'informazione sarebbe anche un gesto di grande senso civico". (Adnkronos)
24/02/2015 11:08
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.