Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Sky Italia vede scendere utile operativo, pesano costi
Sky Italia, controllata News Corp, il gigante media di Rupert Murdoch, ha chiuso il primo trimestre fiscale con un utile operativo di 82 milioni di dollari, in calo di 46 milioni rispetto ai 128 mln di un anno fa.
La crescita dei ricavi è stata neutralizzata da un aumento dei costi legati all'acquisizione di nuovi utenti e dai costi legati alla programmazione dei Mondiali di calcio.  Alla fine del trimestre, Sky Italia contava 4,8 milioni di abbonati, con una crescita di 58 mila utenti rispetto ai tre mesi precedenti, che rappresenta il tasso di crescita più elevato dal dicembre 2008. (Teleborsa)
 
 
 
04/11/2010 16:38
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
Nella giornata di mercoledì 8 febbraio i giornalisti e i tecnici di SkyTg24 hanno scioperato per protestare contro il nuovo programma di riorganizzazione aziendale. La decisione è stata presa dopo l’incontro di lunedì scorso tra i sindacati di categoria (Cgil, Cisl e Uil) e i vertici del gruppo di Murdoch.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.
Le emittenti nazionali, sia pay che free, cercano di portare in tv le logiche pubblicitarie che hanno fatto la fortuna del web advertising, per far fronte alla sua crescita che, in alcuni paesi europei, gli ha già permesso di superare il piccolo schermo.