Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Switch off Alto Adige, Provincia di Bolzano: "Passaggio senza grossi problemi". Ma rimangono irrisolte le questioni degli impianti ex art. 30 D. Lgs 177/2005
"Una transizione attesa con qualche incognita e che invece dal punto di vista della riattivazione degli impianti si è sviluppata senza problemi grazie all'impegno dei tecnici e alla collaborazione dei cittadini", commenta il presidente Luis Durnwalder, che ad inizio ottobre aveva presentato lo switch off con il viceministro al MSE-Com Paolo Romani.
Ripetitori posti in luoghi difficilmente accessibili, l'arrivo anticipato dell'inverno, la tempistica da rispettare: sono stati elementi che non hanno reso semplice il passaggio dal segnale analogico al digitale in Alto Adige. "Basti dire - osserva la Provincia - che solo i 17 tecnici della RAS (l'Azienda radiotelevisiva provinciale) hanno dovuto intervenire nelle due settimane di lavoro su oltre 230 dispositivi analogici collocati in 116 siti per spegnerli e digitalizzare gli impianti. Stesso discorso vale per i tecnici della RAI e delle emittenti private cui il Ministero ha assegnato le nuove frequenze. La transizione è servita anche ad adeguare la banda tv italiana VHF alla normativa europea. VHF finora consentiva la ricezione in particolare di RAI 1, ma l'adeguamento ha comportato qualche difficoltà nella ricezione del Sender Bozen. Alcuni utenti hanno dovuto montare l'antenna VHF mancante e anche reinstallare la ricezione digitale passando da "Italia" a un altro Paese, "Germania" oppure "Austria". Il call center della RAS ha registrato nei 15 giorni dello switch off in Alto Adige circa 1800 richieste di chiarimento dai cittadini: per il 30% si è trattato di problemi legati alla ricezione dei canali RAI, per il 29% di difficoltà nel risintonizzare i canali dopo il passaggio al digitale, il 19% degli utenti ha lamentato problemi per antenna difettosa, ricezione ridotta o segnale troppo basso". "Un grosso aiuto nella riuscita della transizione è stato assicurato dai tecnici e dai negozi specializzati, ma anche dalla disponibilità di decine di studenti delle scuole tecniche e professionali a intervenire direttamente nelle case per risolvere i problemi dei cittadini", spiega la RAS. Sul tappeto rimangono tuttavia le problematiche delle aree radioelettriche disagiate, precedentemente illuminate da impianti ex art. 30 D. Lgs 177/2005 delle comunità montane e/o dei comuni, che allo stato sono inattivi in attesa che il MSE-Com risolva un problema di contrasto tra norme (art. 30 c. 1 D. Lgs 177/2005 ed art. 5 comma 1 lettera B D. Lgs 177/2005).
 
12/11/2009 09:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).