Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TI Media. Cdr La 7 a Cairo: non è patata bollente, illustri piuttosto progetto industriale. Illegittima cessione ramo azienda frequenze
 
''La7 non e' 'una patata bollente' ma un'emittente nazionale che, grazie soprattutto all'informazione prodotta dalla redazione del tg di Enrico Mentana, ha ascolti in crescita e consistenti ricavi pubblicitari".
Cairo lo sa bene perche' ad avvantaggiarsene in questi anni e' stato soprattutto lui, in virtu' di un contratto molto generoso, che gli ha consentito margini di guadagno di cui nessun altro concessionario pubblicitario puo' godere, contratto che ha condizionato, vista la sua scadenza al 2019, la cessione della tv da parte del gruppo Telecom''. E' quanto sottolinea in una nota il Cdr de La7. ''Speriamo quindi - continua il comitato di redazione della testata - che la sua sia stata solo una battuta infelice, e che il nuovo editore de La7 voglia confermare alla Fnsi e al Cdr, che gli hanno gia' chiesto un incontro, gli impegni pubblicamente assunti a garanzia dell'autonomia editoriale, dei giornalisti e dei lavoratori della tv''. A Cairo ''chiediamo di illustrare il suo progetto industriale, gli investimenti, i termini della cessione dell'emittente da parte di Telecom. Una vicenda nebulosa di cui dovranno occuparsi le autorità di vigilanza e la magistratura, a cominciare dalla separazione de La7 dalle frequenze pubbliche che gli furono assegnate per la sua attività dallo Stato e che invece rimangono al gruppo telefonico, attraverso lo strumento illegittimo della cessione di ramo d'azienda. Una scelta che rischia di ridurre drasticamente le potenzialita' de La7, proprio quando dimostra di poter mettere in difficoltà il duopolio''. (ANSA)
 
06/03/2013 11:18
 

Cessione La 7: distorsione delle notizie

Ma perche' bisogna sempre distorcere le cose.... Secondo il cdr di La 7 sarebbe La 7 a cedere le frequenze che le sarebbero state assegnate dallo "Stato". Ma e' il contrario:  le frequenze sono state assegnate a Telecom, che ha deciso di TENERSELE e vendere solo una parte dell'attivita' di Fornitore di contenuti! E poi perche' i fantastici giornalisti si possono permettere impunemente di parlare di cessione illegittima di una cessione di ramo d'azienda? Esistono da sempre le cessioni di ramo d'azienda, perche' mai sarebbero  illegittime? Solo perche' lo dice il grande Mentana? Addirittura se ne dovrebbe occupare la Magistratura. Certo, perche' mai inseguire assassini e stupratori, è chiaro che è piu' urgente indagare  su una "illegittima" cessione di ramo d'azienda. E' quasi quasi una strage, mica poco.... Lo stato ha pensato bene di dividere le emittenti televisive in rami d'azienda ben distinti: operatore di rete e fornitore di contenuti, cioe' la vera Tv. Illegittimo, naturalmente.... Per ultimo la patata bollente...Attento Cairo, non puoi mica dirlo... Non è mica una patata bollente un'azienda con centinaia di milioni di debiti... Secondo il cdr dovrebbe anche fare ulteriori investimenti... sì...con la macchina....

sabato100

NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.
Valorizzare gli ascolti in netta crescita e migliorare il fatturato: questo è l’obbiettivo di Urbano Cairo per quanto riguarda il 2017.
Tempi d’oro per Urbano Cairo e la sua La7, che godono dei risultati derivanti dall’aver scommesso sull’informazione e l’approfondimento politico nel disegnare il proprio palinsesto.
Un ottobre d’oro per Canale 5 che, con uno share nelle 24 ore del 16,80%, supera Rai 1 (15,8%) grazie ad alcune prime serate di successo (come il Grande Fratello Vip) e al palinsesto nella fascia pomeridiana.