Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. UE: ok alla fusione Wind-Tre

Approvato il matrimonio fra Wind Tre e dall’Antitrust europea grazie alla decisione di cedere alcuni asset ai francesi di Iliad.
La fusione fra Wind e Tre si farà: lo ha fatto sapere oggi il Commissario europeo alla concorrenza Margrethe Vestager nel corso di una conferenza stampa. La decisione, che era attesa per la prossima settimana, è stata presa soprattutto grazie alla cessione, da parte dei due operatori, di alcune torri e frequenze alla francese Iliad e che hanno, vista la decisione, arginato le paure dell’Antitrust riguardanti la riduzione del numero di operatori e il possibile aumento dei prezzi conseguenziale. Il soggetto nascente diventerà il principale player del mercato italiano, con una quota pari al 33,7%, contro il 32,4% di Telecom Italia e il 26,4% di Vodafone, grazie a 31 mln di clienti mobili e 2,8 per reti fisse. Secondo quanto evidenziato dall’agenzia di rating Standard and Poor’s, “la fusione tra Wind e 3 porterebbe un maggior equilibrio tra i giocatori attuali” che, in effetti, si spartirebbero all’incirca un terzo del mercato. Che questo sia positivo, come ritiene S&P, o negativo, com’è parere dell’authority europea, non lo sapremo mai visto che la triarchia durerà per poco. Come detto, infatti, gli asset che le due società hanno dovuto cedere andranno a Iliad, operatore mobile francese, che dovrebbe debuttare nel nostro paese l’anno prossimo e aggiungersi ai tre già presenti. Da un lato, dunque, la situazione finirà per cambiare poco a livello di offerta, mentre i concorrenti dovranno prepararsi bene all’arrivo dei transalpini che, come discusso in un precedente articolo sull’argomento, sono noti per il dumping dei prezzi praticato in Francia. (E.V. per NL)
01/09/2016 12:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.
Il Governo ha bisogno di soldi e per ottenerli pensa di proporre al Parlamento l'inserimento nella nuova legge di bilancio di una delega legislativa per la predisposizione di una asta competitiva per l'assegnazione di frequenze per il potenziamento della telefonia 4G.