Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv digitale: RAI lanciatissima nell'integrazione della televisione tradizionale nel web. Record di accessi per RAI.net e potenziamento di RAI Replay
Arricchire la tv con le potenzialità di internet, questo è il futuro della televisione e questa è la direzione in cui si muove il mercato globale delle telecomunicazioni.
In questa direzione si sta muovendo la RAI, che entro l'inverno - annuncia RAINET - renderà disponibili direttamente sui televisori degli italiani alcuni servizi che partono dal web. Un progetto che si allargherà nei mesi successivi sul fronte dei contenuti, dell'interattività e delle potenzialità legate alle funzioni di servizio pubblico. La nuova offerta Rai è stata presentata allo IAB Forum di Milano presso lo stand Rai/Sipra. Si comincia, entro l’inverno, con il servizio ‘Rai Replay’, avviato 6 mesi fa sul web e ora contenuto centrale del progetto Over the top tv della Rai. ‘Rai Replay’ è la tv degli ultimi 7 giorni, che offre la possibilità di rivedere l'’intero palinsesto in diritti di Rai1, Rai2 e Rai3 in modo totalmente gratuito e con un’ottima risoluzione anche sugli schermi televisivi. L’integrazione del servizio con il digitale terrestre è semplice: basterà avere un televisore connesso o un decoder ibrido con il 'bollino Gold' e connettere il proprio televisore o decoder alla Adsl di casa. In questo modo sarà possibile vedere le trasmissioni via 'broadband' e, con un semplice tasto del telecomando, selezionare il canale ed i programmi configurati come una ‘guida programmi’ di qualsiasi quotidiano. Il servizio, in futuro, si estenderà agli altri canali del bouquet digitale terrestre e si arricchirà di nuove funzionalità come l’individuazione dei momenti salienti (highlights) di una trasmissione per un accesso diretto. In sostanza quando si sceglierà di rivedere il programma prescelto (ad esempio una partita di calcio o un programma di approfondimento), sarà attivo un menù che racconterà con sintetiche descrizioni testuali i momenti salienti del contenuto e l'utente potrà accedere direttamente al punto d'interesse individuato. Il progetto Rai Replay, così come i relativi investimenti, è totalmente gestito e sviluppato all’interno di RaiNet in collaborazione con i Centri di produzione Tv di Torino e Roma Saxa Rubra e il Centro ricerche Rai di Torino. Nel frattempo, RAI informa di aver stabilito un nuovo record storico su Internet. Il mese di ottobre ha infatto fatto segnare un boom di utenti e di pagine viste senza precedenti, addirittura superiore rispetto al precedente record, fatto segnare a giugno di quest’anno in occasione dei Mondiali di calcio. Sono 131 milioni le pagine viste nel complesso dei siti Rai, con 8,5 milioni di unici, che equivalgono a una crescita di quasi il 30% rispetto allo stesso periodo 2009. Ancora più significativo l’incremento del media portale Rai.tv che a ottobre ha sommato circa 40 milioni di pagine viste (+42% sul 2009, 25 milioni i video visti) con 4 milioni di utenti unici (+ 65%). Per il direttore di Rai Nuovi Media e Ad di RaiNet, Piero Gaffuri, allo Iab di Milano per presentare l’offerta Ip Rai: “I risultati sono i migliori di sempre e sono addirittura superiori rispetto al target che ci eravamo posti all’inizio dell’anno. Questi dati sono la conferma della correttezza delle scelte fatte sino ad ora, a partire dal simulcast su tutta l’offerta editoriale fino a Rai Replay”. A trainare il traffico, sicuramente Rai.tv ma anche l'informazione (“Report”, “Annozero”, Tg1, ecc). Da segnalare i numeri in grande crescita per Rai Replay, che fa segnare 5,7 milioni di pagine viste e oltre 730.000 utenti unici. (A.M. per NL)
04/11/2010 21:21
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.