Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv estere: in Libia chiuse le quattro emittenti dell'ex regime ed aperte due nuove
In Libia, all'indomani della caduta del regime di Muammar Gheddafi, c'è stata una rivoluzione completa nell’ambito della stampa e nel settore televisivo.
Sono state chiuse dai miliziani del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) le quattro emittenti del regime, tra cui quella ufficiale ‘al-Jamahiriyà, e lo stesso organismo ha dato vita a due diverse emittenti: quella ufficiale Libya al-Hurra (la nuova tv satellitare nata con il sostegno del Qatar, che trasmette da Doha, fondata come web tv dal blogger Mohammad Nabbous ucciso il 19 marzo 2011 da alcuni cecchini a Bengasi mentre cercava di raccontare i drammatici avvenimenti di quel momento) e Libya Tv (il cui fondatore è Mahmoud Shammam, attivista e giornalista esule a Washington). Dall’altro lato, però, non mancano le emittenti che, tramite il satellite, continuano a sostenere i regimi arabi abbattuti. In particolare la tv al-Raì, che trasmette da Damasco ed ha visto cambiare il suo palinsesto con l’inizio della guerra in Libia. Se prima sosteneva il deposto regime di Saddam Hussein trasmettendo i filmati degli attentati compiuti dai gruppi baathisti contro le truppe americane in Iraq, dallo scorso agosto il suo editore, l’ex deputato iracheno Mashan al-Jibouri, ha deciso di dare spazio solo alla propaganda gheddafiana, sostenendo anche dopo la morte del colonnello il passato regime libico. (R.R. per NL)
29/01/2012 12:57
 
NOTIZIE CORRELATE
La sede dell'emittente televisiva libica «al Naba» è stata oggetto di un attacco nel fine settimana. Un gruppo di miliziani armati ha lanciato due razzi contro la palazzina che ospita gli uffici dell'emittente causando ingenti danni materiali ma senza provocare feriti, dato che all'ora dell'attacco gli uffici erano chiusi.
Resta alta la tensione in Libia, dove ieri centinaia di uomini armati hanno attaccato la sede di Alassema Tv, sequestrando 5 persone, compresi 2 giornalisti.
Si stanno moltiplicando i canali radio e televisivi libici che trasmettono on air sul web e danno informazioni sul dopo Gheddafi.
Da qualche giorno è tornata a trasmettere per l'estero l'emittente governativa Radio Televisione Libica sulla frequenza 11600 kHz delle onde corte. I programmi della stazione iniziano alle ore 18 e durano un paio di ore. (R.R. per NL)
 
Mentre i giornalisti stranieri sventolando teli bianchi con la scritta 'tv' trovavano riparo nei sotterranei dell'Hotel Rixos, in centro Tripoli, con gli elmetti in testa e addosso i giubbotti antiproiettile, una presentatrice della tv di Stato libica andava in studio in diretta tenendo in mano una pistola e minacciando i ribelli di non provare ad avvicinarsi all'edificio della tv di Stato.