Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, chiusura emittenti piemontesi. Lorusso (FNSI): ha sbagliato chi pensava di vivere di contributi

«Il problema merita di essere affrontato in modo più ampio, nazionale, ma non mi pare che sia nel calendario del governo».
Così Raffaele Lorusso, segretario della Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi, sindacato dei giornalisti), all'indomani della notizia data per primo da questo periodico a riguardo dell'imminente chiusura (31/12) dell'attività del network provider valdostano (ma con diffusione interregionale) Start-Up, editore (quale fornitore di servizi di media audiovisivi) di diversi programmi locali. «Non conosco la situazione specifica - spiega Lorusso -, ma l’emittenza locale ha prosperato quando c’erano finanziamenti pubblici e il mercato pubblicitario tirava. Ora, sono venute meno entrambe le risorse. Certo, servirebbe un riequilibrio del mercato pubblicitario per legge, come nel resto d’Europa. Adesso arriverà un fondo per l’emittenza locale tratto dal canone Rai, che sarà messo in bolletta. È una risposta parziale, non certo esaustiva». Allineandosi ad un punto di vista più volte espresso su queste pagine, Lorusso ha acutamente osservato «Molti editori locali si sono illusi di fare gli imprenditori soltanto con il finanziamento pubblico. Così, negli anni in cui andavano meglio le cose, pochi hanno rafforzato l’azienda sotto il profilo del patrimonio sociale». Fatto sta che, secondo il Segretario, le «criticità del settore riguardano tutto il Paese, da Torino alla Sicilia. A incominciare dalle retribuzioni. Su oltre duemila dipendenti delle aziende del settore, soltanto meno della metà riceve lo stipendio in modo regolare». Quanto alle indagini delle varie procure della Repubblica segnalate dall'impenditore di Start-Up, Mauro Pagliero, Lorusso ha aggiunto: . «Se ci sono inchieste in corso, ci rimettiamo alle decisioni della magistratura». (E.G. per NL)
25/12/2015 20:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.