Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, contributi: firmati dal MSE-Com circa 200 mandati di pagamento per la liquidazione ai soggetti aventi diritto
Gli Uffici competenti del Dipartimento alle comunicazioni del Ministero dello sviluppo economico hanno informato la Federazione Radio Televisioni "di aver avviato le procedure di erogazione dei contributi alle tv locali per l'anno 2009".
Ne dà conto la FRT in una nota in cui spiega che "Secondo il Dipartimento, circa 200 mandati di pagamento sarebbero stati inviati alla Ragioneria dello Stato per la liquidazione ai soggetti aventi diritto. Inoltre sarebbe in via di completamento il pagamento dell'annualità 2008. Nonostante ciò non si può non rilevare comunque il gravissimo ritardo dell'Amministrazione nella corresponsione delle somme. Infatti, ad oltre un anno e 4 mesi dalla presentazione delle domande per beneficiare dei contributi 2009 (il termine di invio era il 6 luglio 2009) ancora nessuna emittente televisiva locale ha ricevuto le somme spettanti. In effetti un ritardo così ampio non si è mai registrato prima d'ora". "Certamente ciò può essere in parte causato anche dalle norme contenute nel regolamento dei contributi alle tv locali (Dm 292/04) che rendono l'intera erogazione assai lenta e macchinosa in quanto coinvolgono nella procedura oltre al Ministero, anche i Corecom e il Dipartimento editoria della Presidenza del Consiglio", continua il soggetto portatore di interessi diffusi, sottolineando però come  "questo non giustifica però un ritardo del genere. Se a ciò aggiungiamo l'attuale situazione di crisi economica e finanziaria che ha portato a minori introiti derivanti dagli investimenti pubblicitari e le ulteriori innumerevoli difficoltà per le tv locali causate dal passaggio al digitale terrestre e dalla mancata attribuzione del LCN risulta chiara l'urgenza di provvedere rapidamente a risolvere la situazione venutasi a creare. In tal senso, si sono espresse anche le O.O.S.S. dei lavoratori SLC-CGIL, Fistel, CISL, UILCOM UIL che, in una lettera indirizzata al Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani chiedono "un incontro urgente, interessando anche la FRT, con lo scopo di ricercare possibili soluzioni per un settore in estrema difficoltà e sollecitano le istituzioni ed in particolar modo il Ministro competente, sulla possibilità di un rapido iter, delle erogazioni previste in materia di sostegno delle Tv e Radio locali rispetto alle leggi vigenti", conclude il comunicato.
 
04/11/2010 20:02
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.