Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, contributi: ghe n'è minga. Nel 2010 fondi ridotti: cinghia tirata e valigetta in mano per gli editori
.
Sono purtroppo stati confermati i timori di questo periodico, esposti qualche settimana fa. In un clima di cordoni della borsa stretti, anche Claudio Scajola (foto) deve fare di necessità virtù e quindi riduce le richieste in vista della Finanziaria 2010.
Per il suo dicastero dello Sviluppo Economico pare chiederà per il comparto televisivo solo 45 milioni di euro, in aggiunta ai 50 di supporto alla transizione digitale. Molto meno degli attesi 70 milioni per l'anno che verrà. Una botta per le emittenti locali, le cui associazioni sono ancora arrossate per lo schiaffone preso al Senato nei giorni scorsi, allorquando  erano stati bocciati, invero senza particolare difficoltà, gli emendamenti alla Finanziaria 2010 proposti da politici che avevano sposato la causa degli editori televisivi. L'obiettivo degli interventi in Parlamento era il ripristino dei fondi ex L. 448/2001 sulla media degli ultimi due anni, attraverso un aumento teso a ricostituire uno stanziamento di 70 mln di euro per il 2010, di 90 mln per il 2011 e di 55 mln a decorrere dall'anno 2012, per ritornare alla dotazione originaria di 150 mln/annui. Particolarmente colpite dalla riduzione dei contributi saranno le superstation e le grandi emittenti regionali che, in non pochi casi, hanno fino ad ora goduto singolarmente di contributi milionari. A questo punto, volenti o nolenti, agli editori locali non resta che ritrovare quella fantasia commerciale ed imprenditoriale che ne aveva contraddistinto gli esordi, per sviluppare nuove aree di business (anche grazie all'attività di network provider) che possano compensare il vuoto economico lasciato dalla riduzione dei fondi governativi.
24/11/2009 07:38
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.