Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Emilia Romagna: indagine su contributi Teleducato. Ipotesi truffa per 3 mln di euro. Società editrice: "Riteniamo di avere agito correttamente"
 
L’inchiesta di Procura e Guardia di Finanza ha a che fare con l’erogazione dei contributi dello Stato a favore dell’editoria e riguarda Teleducato, con un’ipotesi d’accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato.
I dettagli sono stati forniti ieri mattina in una conferenza stampa nella sede della Fiamme Gialle. Secondo gli inquirenti, dal 2008 al 2013, la società editrice avrebbe ottenuto erogazioni di denaro superiori a quanto previsto attraverso erronee comunicazioni al Corecom, il Comitato regionale per le comunicazioni, organo del Consiglio della Regione Emilia-Romagna che ha anche la funzione di compilare le graduatorie delle emittenti televisive al fine dell’ottenimento degli aiuti economici previsti dallo Stato per tutto il settore. A Teleducato è contestata l’indebita erogazione di circa 700 mila euro per ognuno degli anni presi in considerazione nelle indagini. Secondo l'emittente, che ha dato puntuale notizia della vicenda sul proprio sito ed in un servizio televisivo, "si tratta di una materia di non facile interpretazione, specie alla luce delle novità introdotte al momento del passaggio dal sistema televisivo analogico a quello del digitale terrestre". Secondo Procura e Guardia di Finanza, con tre canali di emissione a disposizione della società editrice Telemec, e cioè Teleducato Parma, Teleducato Piacenza e All News, sarebbe stato autocertificato l’impiego della maggior parte del personale dipendente su una sola delle tre emittenti allo scopo di ottenere più finanziamenti. A questo proposito Telemec, in una nota, ha fatto sapere di ritenere "d’aver agito correttamente ed è fiduciosa di poterlo dimostrare in sede di giudizio e dunque di evidenziare la propria totale estraneità ai fatti contestati, confermando allo stesso modo piena fiducia nei confronti del lavoro della Magistratura". Nel frattempo la Guardia di Finanza ha posto sotto sequestro le frequenze televisive di Teleducato Parma, Teleducato Piacenza e All News, sottoposte anche a vincolo presso il Catasto nazionale delle Frequenze dell'Agcom. I canali potranno comunque continuare regolarmente le trasmissioni ma non potranno essere venduti o ceduti fino al termine delle indagini. (E.G. per NL)
17/03/2015 09:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.