Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Maurizio Giunco (FRT): ''Fosse stato per noi il digitale non l'avremmo scelto''
Ha spiazzato un po' tutti con la sua dichiarazione, Maurizio Giunco, lombardo editore di Espansione Tv (Como) e presidente dell'associazione delle tv locali della FRT.
Ma la sua oggettiva constatazione ha trovato un diffuso consenso nella platea degli editori presenti ieri al venticinquennale della Federazione Radio Televisioni. Giunco era stato lapidario ma sincero: "Fosse stato per noi il digitale non l'avremmo scelto''. ''Abbiamo fatto uno sforzo enorme per adeguarci e non nascondiamo le difficolta' che abbiamo dovuto affrontare", aveva poi aggiunto l'editore locale, "Ma e' una rivoluzione tale che enfatizzare i problemi non serve. Certo chi aveva una copertura importante ne ha beneficiato, chi ce l'aveva solo sulla carta e' rimasto così". Un giudizio secco, ma che ha fatto onore al presidente delle tv locali della FRT, perchè, come abbiamo più volte scritto su queste pagine, non si aiuta l'affermazione della nuova tecnologia nascondendo i problemi a suon di proclami meramente a sfondo politico. "Il va tutto bene", quando le tv locali (e non solo) sono strangolate dai costi degli investimenti per la digitalizzazione degli impianti e dal crollo degli introiti pubblicitari, che, già stroncati dalla crisi economica mondiale, nelle aree all digital hanno subito letteralmente un tracollo, non aiuta ad uscire dalle sabbie mobili e, anzi, sa di presa in giro. Le televendite sono praticamente azzerate sul DTT delle locali, la tabellare fatica ad essere piazzata (chi investe su imprese in sostanziale start-up?), gli introiti della cessione a terzi della capacità trasmissiva (il business naturale degli operatori di rete) sono di là a venire e gli indici di ascolto sono precipitati dal 30 al 50%. Insomma, la migrazione alla tecnica trasmissiva numerica è avvenuta nel momento peggiore possibile e in molti editori si chiedono ancora oggi il perché di questa fretta, visto che nel resto d'Europa il passaggio è stato decisamente meno violento e repentino.
03/12/2009 21:34
 

Discorso M. Giunco

Discorso del presidente Giunco condivisibile al 99,9%. Grazie.

Discorso di Maurizio Giunco

Condivisibile al 99%. Grazie Maurizio.

Discorso Giunco su digitale

Sì, è vero, dobbiamo riconoscere un'onestà intellettuale a Giunco. Però va anche detto che se FRT fosse intervenuta per tempo su alcune scelte discutibilissime per il passaggio al digitale, come la tecnologia SNF (siamo gli unici in Europa ad averla sposata!), probabilmente tanti problemi tecnici non ci sarebbero stati. Insomma, bravo Giunco, ma se ti fossi svegliato prima dal sogno digitale sarebbe stato meglio! 
 
Umberto
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.