Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Sicilia: da settembre al minimo l'attività di fornitore di servizi media della storica Antenna Sicilia

Rischia di avviarsi a fine ingloriosa Antenna Sicilia, una delle più importanti tv siciliane, battezzata nel 1979 da Pippo Baudo. Il Gruppo Ciancio, che edita anche il quotidiano La Sicilia e l'emittente Telecolor, ha comunicato all'organico di aver avviato le procedure di mobilità per 16 fra giornalisti e tecnici.
La notizia è stata poi diffusa dal sindacato Assostampa, che ha posto l'accento sulla gravità della crisi dei media a Catania: i licenziamenti di Antenna Sicilia, infatti, si aggiungono ai 14 di Telejonica, che ha interrotto la quasi quarantennale attività a febbraio ed ai 17 annunciati da Telecolor solo poche settimane fa. Secondo Assostampa di tratta del «totale fallimento di una politica industriale basata sulla incapacità di gestione del monopolio televisivo locale». Stringata la comunicazione aziendale: "Si è deciso il netto ridimensionamento dell'attività di fornitore di contenuti con la soppressione di tutte le produzioni di programmi informativi, che rappresentano il centro di costo maggiore dell'attività per mantenere esclusivamente l'offerta di televendite e di quei programmi commerciali il cui budget e la cui redditività siano state preventivamente assicurate dai committenti". (R.R. per NL)
05/07/2015 08:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.