Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Sky Italia: lo scoglio dei 5 mln di abbonati
Cinque milioni di abbonati. Da anni e' questo l'obiettivo di Sky Italia, la pay tv controllata da NewsCorp, il gigante editoriale che fa capo al tycoon australiano Rupert Murdoch.
Dopo sette anni e mezzo di crescita, si legge in un articolo di Milano Finanza, l'ambizioso target dei 5 mln di abbonati e' stato solo avvicinato nel giugno 2008 e lo scorso settembre (4,8 mln in entrambi i casi). Cio' nonostante nelle ultime stagioni l'offerta di Sky e' migliorata dal punto di vista della quantita' (il numero di canali e' salito a 190) e della tecnologia messa a disposizione degli abbonati (alta definizione e 3D). Qualcosa insomma nei piani dell'amministratore delegato Tom Mockridge non sta andando per il verso giusto. Lo dimostrano anche i dati del primo trimestre dell'esercizio 2010-2011: il fatturato e' sceso del 7,7% a 856 mln usd e il risultato operativo e' calato del 36% a 82 milioni. Numeri positivi, ma che scontano da un lato l'aumento dei costi per l'acquisto dei diritti dei programmi e dall'altro il limitato incremento del parco abbonati: 58 mila in piu' nel periodo giugno-settembre 2010 rispetto a un anno prima, dopo alcuni trimestri di saldo negativo. Risultato: i 5 mln di abbonati rischiano di diventare una barriera invalicabile. (M.F. Dow Jones)
08/11/2010 16:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.