Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Svizzera. Accordo con Discovery: SRG SSR trasmetteranno i giochi olimpici 2018 e 2020

La Discovery Communications e la SSR (la concessionaria svizzera pubblica radio-tv) hanno stretto per i giochi olimpici un accordo pluriennale che garantirà ai telespettatori una copertura completa e offrirà loro la possibilità di seguire ogni istante delle olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 e delle olimpiadi estive di Tokio 2020 su diverse piattaforme.
I giochi olimpici invernali di PyeongChang 2018 e quelli estivi di Tokio 2020 saranno accessibili al pubblico svizzero sulle reti e piattaforme della SSR (online e app) nonché sui canali e sulle piattaforme online di Eurosport. Grazie a una ricca scelta tra TV a libero accesso, TV a pagamento e offerte digitali, i telespettatori elvetici potranno vivere da vicino ogni momento di questi eventi sportivi. La SSR ottiene dalla Discovery Communications sublicenze esclusive per i diritti audiovisivi nonché diritti di radiodiffusione non esclusivi per tutte le trasmissioni dei giochi olimpici di PyeongChang 2018 e Tokio 2020 captabili gratuitamente in Svizzera nelle quattro lingue nazionali, ossia tedesco, francese, italiano e romancio. La sublicenza comprende inoltre i diritti per trasmettere format d'informazione al termine degli eventi in diretta, nonché determinati diritti per la diffusione digitale (on demand su internet e app). Eurosport si riserva i diritti per diffondere tutte le trasmissioni relative ai giochi olimpici su tutte le sue emittenti televisive a pagamento e piattaforme digitali. La SSR vanta una lunga tradizione nella copertura delle olimpiadi. Grazie a questo accordo, potrà continuare a offrirle al suo pubblico sui suoi canali e sulle sue piattaforme nel quadro abituale, rivolgendo particolare attenzione anche alle performance e ai successi degli atleti elvetici. Inoltre, per tutta la durata dei giochi olimpici, gli spettatori potranno godere di un'esperienza audiovisiva straordinaria sulle piattaforme di Eurosport, 24 ore su 24 e su qualsiasi dispositivo. Così Roger de Weck, direttore generale SSR: «Sono molto felice che, dopo Rio 2016, potremo offrire in uno standard elevato anche i giochi olimpici di PyeongChang 2018 e di Tokio 2020. Lo sport è sinonimo di bellezza ed emozioni, crea modelli e alimenta uno spirito di condivisione nelle quattro regioni del Paese. Riveste quindi un ruolo fondamentale nella strategia di offerta dell'azienda mediatica pubblica della Svizzera». A giugno 2015, Discovery ha reso noto insieme al Comitato olimpico internazionale (CIO) che l'azienda si era assicurata i diritti di diffusione esclusivi per la TV e le piattaforme multimediali relativi alla trasmissione dei giochi olimpici 2018–2024 in 50 Paesi e regioni d'Europa. In proposito, Discovery ha già stipulato sublicenze in Austria (ORF), Croazia (HRT), Repubblica Ceca (Ceska Televize), Finlandia (YLE), Ungheria (MTVA), Irlanda (RTE), Paesi Bassi (NOS) e Regno Unito (BBC). Ciascuna sublicenza è stata adeguata al mercato televisivo e radiofonico del Paese in questione. (P.M. per NL)
06/07/2016 11:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Da ieri Discovery ha un nuovo organigramma. Marinella Soldi, che rimane president and managing Sud Europa (Italia, Spagna, Portogallo e Francia), sarà supportata nel mercato italiano dal general manager Alessandro Araimo, precedentemente chief operating officer di tutta l’area South Europe.
Nove Hd, la versione ad alta definizione del canale DTT di proprietà di Discovery Italia (ovviamente su LCN 9), dal 1° marzo sarà anche sulla piattaforma di Tivùsat, la tv satellitare che permette di vedere gratuitamente la programmazione del digitale terrestre.
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Il 2016 di Discovery Communications si è chiuso con i ricavi a +2% (pari a 6,5 miliardi di dollari) rispetto all’anno precedente. Un risultato sopra le aspettative nonostante una raccolta pubblicitaria non brillante e un tasso di cambio che de facto ha abbassato di due punti percentuali la crescita degli introiti.
Alla fine l'operazione tra Discovery e Radio Italia si è concretata, anche se non della direzione della concessione per la vendita degli spazi pubblicitari dell'emittente di Volanti (che si è invece riaccasata da Manzoni - Gruppo L'Espresso) o addirittura di una cessione di quote societarie, come si era parlato dalla primavera 2016.