Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web: a marzo pubblicità online cede dell’1,4%, ma trimestre ancora positivo

Dopo i primi due mesi chiusi in positivi, il mer­cato pubblicitario torna a flettere. È quanto ha cer­tificato Fcp-Assointernet, che a marzo ha registrato un -1,4% per il comparto, con Web a -6,2%, Mobile a +135,4%, Tablet a +25,2% e Smart Tv/Console a +8%.
A livello numerico, la pubbli­cità online a marzo è val­sa 43,7 milioni di euro, con il Web a poco meno di 40 milioni e gli altri segmenti a spartirsi il resto. In parti­colare il Mobile ha raccolto circa 3,4 milioni. Nonostan­te un trend decrescente, nei primi tre mesi l’adverti­sing online regge a +0,8%, a 106,2 milioni rispetto ai 105,3 dello stesso trime­stre del 2015. In una nota, il presidente di Fcp-As­As­sointernet Giorgio Galan­tis ha dichiarato: “L’Osser­vatorio Fcp-Assointernet mostra una limitata flessio­ne del mese di marzo, che non impedisce tuttavia di chiudere il primo trimestre dell’anno in terreno leg­germente positivo: +0,8% l’incremento di fatturato". Il dato evidenzia come la vi­sibilità sul mercato riman­ga tuttavia limitata, per­manendo molteplici fattori che ne influenzano l’andamento. Non mancano co­munque dati incoraggian­ti. Si consolida infatti la crescita, a tripla cifra, de­gli investimenti nel mobile che raggiunge nel quarter un’incidenza del 7,4% sul totale investimenti. (E.G. per NL)
04/05/2016 12:46
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Dopo il calo dello 0,7% nel 2015, il perimetro delle concessionarie FCP-Assointernet lascia per strada un altro 2,3% nel 2016 chiudendo a 457,7 milioni di euro.