Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web: polo pubblicitario unico per Post, Fatto, Dagospia e Lettera 43

Dopo la cessione del gruppo Banzai della divisione media a Mondadori (fatta eccezione per il Post e Giornalettismo) la compagnia di Paolo Ainio torna a concentrarsi solo sull’e-commerce lasciando il mercato pubblicitario.
E così, il giornale diretto da Luca Sofri rimane di fatto senza concessionaria con i suoi 260 mila utenti unici in cerca di rappresentanza; numeri appetitosi per il mercato del web advertising italiano. Già da tempo alcuni ipotizzano un polo unico per la raccolta online de il Post, Il Fatto quotidiano online, Lettera 43 e Dagospia. Un gruzzolo da 900 mila utenti unici giornalieri, numero piuttosto interessante per molte concessionarie. E’ necessario però convincere gli editori che essere uniti dal punto di vista pubblicitario non comporta alcun cambiamento automatico sul piano dell’autonomia e indipendenza editoriale. Un esempio sul tema, è dato dalla WebSystem 24 del gruppo Il sole 24 Ore: la società di advertising, raccoglie siti anche politicamente distanti come Dagospia, Lettera43, Liberoquotidiano e altri. Tuttavia, dato il recente cambio al vertice di Confindustria con Federico Boccia nuovo presidente, il gruppo sole24 Ore dovrà trovarsi presto un nuovo ad con conseguenti rivoluzioni anche alla WebSystem24 ora guidata da Ivana Ranza. Per quello che riguarda la Editoriale Il Fatto, il suo ad Cinzia Monteverdi ha già dichiarato di voler creare un polo pubblicitario interno con lo scopo di valorizzare sia l’edizione cartacea sia quella online, che con i suoi 436 mila utenti unici è tra le più navigate in Italia ma raccoglie ancora cifre insufficienti a coprire i 4,5 mln annui di costi dell’edizione web diretta da Peter Gomez. E’ sempre più probabile dunque che Matteo Arpe (Lettera 43), Roberto D’Agostino (Dagospia), Sofri per Il Post con il suo principale azionista Banzai, ed infine Monteverdi per Il Fatto possano discutere della necessità di creare un aggregatore di news online in grado di contendersi budget pubblicitari da 30-40 milioni di euro all’anno. Una notevole differenza con i 7 milioni di euro l’anno che i quattro siti riescono a raggiungere separatamente. (A.P. per NL)
17/05/2016 12:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.